Lisbona

03 luglio 2019 10:47

Il ritratto della città attraverso la stampa portoghese e internazionale. Il nuovo numero degli speciali di Internazionale, in edicola dal 2 luglio, oppure online.

Lisbona, dice l’enciclopedia, è l’unica capitale europea affacciata sull’oceano. Questo semplice fatto può essere la chiave per capire alcune delle sue particolarità. È una città di mare, ma non è come le città di mare a cui siamo abituati. È una città relativamente piccola, capitale di un piccolo paese, davanti a un mare enorme. Così ha dovuto imparare molto presto una cosa che diventa ogni giorno più utile: accettare di essere piccoli in un vasto mondo.

Questo spiega forse perché esibisca senza imbarazzo la sua aria dimessa e popolare, perché resti attaccata a tradizioni e vezzi – il fado, gli azulejos, le sardine, i pastéis de nata – che sembrerebbero più consoni a una cittadina di provincia che alla capitale del primo impero globale della storia. E forse spiega anche perché, pur avendo accolto in pochi decenni centinaia di migliaia di abitanti di origine straniera, non abbia assistito a significative reazioni xenofobe, riuscendo a integrare le influenze culturali delle ex colonie in un meticciato unico al mondo.

Ogni porto d’imbarco è necessariamente anche un porto di sbarco. Oggi Lisbona assiste nuovamente allo sbarco di una cosa molto più grande di lei: l’industria del turismo internazionale e degli investimenti immobiliari, una marea apparentemente incontenibile che ha già travolto città più famose. A giudicare dalla risposta dei suoi abitanti, però, c’è da sperare che anche stavolta Lisbona riuscirà a restare a galla. E che possa servire ancora a lungo da esempio a chi crede di poter difendere con la chiusura le proprie illusioni di grandezza.

Questo articolo è uscito a pagina 9 su Internazionale extra n. 9, Lisbona.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

In Salvador la violenza sulle bambine non può più restare impunita
Valeria Guzmán
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.