J. vive e studia a Vienna. Ha sofferto di bulimia negli ultimi sei anni, ma dopo una lunga degenza in una clinica ora si considera guarita. Continua a partecipare a gruppi di sostegno per persone con disturbi alimentari, e per molti è diventata un esempio. (Mafalda Rakoš)

Volevo sparire

15 marzo 2017 13:40

Il 15 marzo in Italia è la quinta Giornata del fiocchetto lilla, dedicata ai disturbi alimentari che portano chi ne soffre a vivere con l’ossessione del cibo, del peso e dell’immagine del proprio corpo. L’anoressia, la bulimia e i fenomeni correlati sono in crescita in tutto il mondo. Secondo l’organizzazione statunitense Anad, almeno settanta milioni di persone soffrono di disturbi alimentari.

Tra queste, l’anoressia è la malattia più pericolosa: ha un tasso di mortalità circa dodici volte superiore a quello delle altre cause di decesso delle donne tra i 15 e i 24 anni. Inoltre è la terza malattia cronica più diffusa tra gli adolescenti.

Il progetto I want to disappear, ideato dalla fotografa austriaca Mafalda Rakoš, è dedicato alle persone che soffrono di disturbi alimentari o li hanno superati. Rakoš intende superare le rappresentazioni stereotipate di queste malattie e concentrarsi sulle storie delle persone, che hanno collaborato attivamente con la fotografa alla realizzazione delle immagini.

pubblicità

Articolo successivo

Il mondo all’una