Madia. Catania, Sicilia, novembre 2015. (Daniel Castro Garcia)

Tre fotografi a Cortona

12 luglio 2017 17:45

Dal 13 luglio torna il festival di fotografia Cortona on the move, con un programma ricco di mostre, incontri e workshop che si svolgeranno in luoghi storici della cittadina toscana.

Tra le mostre di quest’anno c’è Foreigner di Daniel Castro Garcia, progetto con cui ha documentato per due anni gli arrivi dei migranti nelle zone europee che vanno dai Balcani a Calais. Il fotografo britannico ha scelto di raccontare le storie individuali delle persone incontrate in questo lungo viaggio, evitando i sensazionalismi. Con Foreigner, che è diventato un libro, Castro Garcia ha vinto l’International photography award della rivista British Journal of Photography e ricevuto un sostegno economico dall’agenzia Magnum per continuare il progetto.

The meaning of a nation - Russia and its neighbours: Georgia and Ukraine è il lavoro di Justyna Mielnikiewicz esposto al festival. La fotografa polacca (1973) racconta il difficile percorso di distacco dalla Russia che hanno affrontato la Georgia e l’Ucraina. Dopo il crollo dell’Urss questi due paesi hanno infatti cercato di non rimanere nella sfera di influenza sovietica, una scelta pagata con due conflitti, nel 2008 e nel 2014, e ancora non risolti del tutto. Mielnikiewicz si concentra su aspetti della vita quotidiana e sui simboli e le ricostruzioni storiche che queste terre usano per costruire un’identità nazionale.

Con Zurumbático, Luis Cobelo (1970) realizza un omaggio personale a Cent’anni di solitudine, il libro di Gabriel García Márquez uscito nel 1967. Carico della suggestione data dall’aggettivo spagnolo zurumbático, che racchiude un senso di stupore misto a confusione, Cobelo ha viaggiato nel nord della Colombia, dove nacque Márquez e anche la sua opera, e costruisce un lavoro ricco di fantasia, realtà e mistero. Ma per il fotografo il romanzo è solo un punto di partenza per comprendere cosa significa essere latinoamericano e accorgersi che “le cose sono come sono, non esiste alcun realismo magico”.

Il festival propone molte altre mostre (aperte fino al 1 ottobre), tra cui la grande retrospettiva della statunitense Donna Ferrato.

Il vincitore del premio Happiness on the move 2017 è stato Pierfrancesco Celada con il progetto Instagram pier, Hong Kong.

pubblicità

Articolo successivo

Anglosassoni appassionati
Pier Andrea Canei