Belfast, Shankill. Preparativi per un falò lealista a Conway street, 2017. (Toby Binder)

Crescere a Belfast dopo la Brexit

08 marzo 2019 15:42

Negli ultimi dieci anni il fotografo tedesco Toby Binder ha documentato la vita della classe operaia britannica. Dopo il referendum sulla Brexit, ha deciso di concentrarsi sugli adolescenti di Belfast, in Irlanda del Nord.

La scelta di Binder è stata dettata dall’attuale situazione politica del Regno Unito. Infatti l’uscita dall’Unione europea potrebbe mettere a rischio gli accordi del 1998 – il cosiddetto accordo del venerdì santo – che hanno rappresentato un punto di arrivo fondamentale nel processo di pace tra i repubblicani cattolici e gli unionisti protestanti. Oggi il confine tra Repubblica d’Irlanda e Irlanda del Nord è aperto, ma la Brexit potrebbe riportare i controlli di frontiera, scatenando le proteste di chi non vuole tornare indietro e riaccendendo gli animi di chi era contrario agli accordi di pace.

Binder si sofferma su giovani che provengono da situazioni di disagio economico e sociale, e che oggi si ritrovano a immaginare un futuro incerto, causato da un referendum a cui non hanno neanche potuto votare perché non avevano diciotto anni. Wee muckers - Youth of Belfast è stato realizzato in sei quartieri della città, sia protestanti sia cattolici, dove si vive insieme tra disoccupazione, droga e violenza. Il progetto si è autofinanziato su Kickstarter e ora è diventato un libro pubblicato da Kehrer.

pubblicità