24 ottobre 2021 09:21

Già dal titolo, Roma 1968 fornisce a chi lo sfoglia coordinate spazio temporali ben precise: la capitale italiana durante il boom economico.

L’autore, Ludovico Quaroni, architetto e urbanista, documenta la città con l’approccio tipico di chi fa il suo mestiere, collezionando una serie di osservazioni su Roma e sui mutamenti in atto a quel tempo. In particolare su come la città reagisce alle esigenze e alle abitudini del popolo che la vive e del periodo storico che la attraversa: ne è un esempio la creazione di “opere edilizie dedicate all’auto, al parcheggio, la circolazione permessa ovunque, anche in piazza Navona, al Pantheon, anche in piazza San Pietro o a riempire piazza del Popolo” (dal testo introduttivo Città precaria di Francesco Pecoraro) a causa dell’aumento delle automobili in circolazione.

Significativa anche l’inclusione nel libro del testo La porpora e l’oro nella parte finale, scritto dallo stesso Quaroni e affiancato da sue fotografie e annotazioni che evidenziano il suo modo accurato di svolgere la ricerca. Sono appunti ricchi d’informazioni topografiche e considerazioni, come “rifare orizzontale” riferendosi alla fotografia scattata in via in Selci, o come in quella che mostra via di Parione dove scrive “rifarla tutta in verticale per la traccia sul cielo”, annotando di fianco alle diverse immagini da lui realizzate numeri progressivi da 1 a 4 con variante 4bis. E ancora nelle foto dell’incrocio tra largo Febo e via di Tor Sanguigna dove registra di dover rifare la prima foto “senza cartellone per vedere il balcone che gira nella foto 2”. Un procedere meticoloso che comunica un’idea estremamente chiara dell’uso documentario della fotografia, strumento volto a supportare quasi ogni passo del suo incedere nella città e della sua progressiva comprensione di essa.

All’epoca di Quaroni Roma si misurava con i cambiamenti portati dal boom economico. Cosa e chi la trasforma invece oggi? La pandemia, il declino della globalizzazione, la presenza o l’assenza di turismo, le giunte comunali, i cittadini? Di cosa sarà composto il nuovo ed ennesimo strato che compone la storia della capitale? In questo senso, il lavoro svolto in Roma 1968, pubblicato da Humboldt Books nella serie Time Travel, torna rilevante anche nel 2021.