04 marzo 2015 11:03

La Slovenia è diventata l’undicesimo paese europeo, e il ventunesimo nel mondo, ad aver approvato una legge che permette i matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Il 3 marzo il parlamento sloveno ha adottato un emendamento, proposto dal partito d’opposizione Sinistra unita e sostenuto dal partito centrista e da quello socialdemocratico, con 51 voti a favore e 28 contrari. I partiti di opposizione di centrodestra si sono dichiarati contrari alla misura, perché temono che possa portare alla legalizzazione dell’adozione per le coppie omosessuali.

Secondo i sondaggi il 60 per cento della popolazione è a favore della legge, ma durante il voto circa duemila persone hanno manifestato fuori del parlamento e promettono di raccogliere le quarantamila firme necessarie per l’approvazione di un referendum per cancellare la norma. La legge deve essere firmata dal presidente della repubblica per entrare in vigore. Afp