La normativa sul libero scambio è legge negli Stati Uniti dopo la firma di Barack Obama

Il provvedimento concede al presidente di velocizzare l’approvazione dei trattati. Il congresso potrà votare a favore o contro, ma non avrà il potere di modificarne il testo

Il senato degli Stati Uniti approva la normativa sul libero scambio

25 giugno 2015 07:48

La legge per consentire di velocizzare l’approvazione dei trattati, voluta dall’amministrazione del presidente Barack Obama, è stata approvata dal senato degli Stati Uniti. La Trade promotion authority, conosciuta come fast track, consentirà al presidente di approvare accordi commerciali e il congresso potrà solo votare il testo finale senza modificarlo. È considerata fondamentale per l’esito del Trans-pacific partnership (Tpp), l’accordo di libero scambio con dodici paesi del Pacifico. I voti a favore del disegno di legge sono stati sessanta e i contrari 38. L’approvazione è stata possibile grazie a una collaborazione tra democratici e repubblicani. La legge ora deve essere firmata da Obama.

La camera dei rappresentanti ha bocciato il disegno di legge il 12 giugno, votando contro un provvedimento sull’assistenza e la formazione ai lavoratori, posto come condizione per il via libera al fast track. Una versione modificata, che non comprendeva la misura, è stata approvata il 18 giugno, con dieci voti di scarto: 218 a favore e 208 contrari. Il provvedimento ha scatenato un forte dibattito tra i parlamentari. Molti democratici, vicini ai sindacati, sono convinti che una nuova apertura delle frontiere possa portare alla chiusura delle aziende nel loro territorio.

pubblicità

Articolo successivo

Un triste capodanno per Mosul
Zuhair al Jezairy