Una manifestazione degli obbligazionisti degli istituti di credito interessati dal decreto salva banche davanti alla camera dei deputati a Roma, il 6 dicembre 2015. (Roberto Monaldo, Lapresse)

Nessuno ha informato i risparmiatori sui titoli venduti dalle banche

Una manifestazione degli obbligazionisti degli istituti di credito interessati dal decreto salva banche davanti alla camera dei deputati a Roma, il 6 dicembre 2015. (Roberto Monaldo, Lapresse)
11 dicembre 2015 13:59

La vicenda delle quattro banche (Banca Marche, Popolare Etruria, CariFerrara e CariChieti) salvate con il decreto del 22 novembre, che ha inflitto pesanti perdite ai risparmiatori, sta diventando grottesca, se non fosse per certi versi drammatica. Nessuno (banche, governo, Consob, Banca d’Italia) riconosce le sue responsabilità. Tutti sono concordi nell’incolpare l’Europa, in particolare la Commissione europea, con il bel risultato di rendere le istituzioni europee ancora più indigeste ai cittadini. Proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Da dove deriva il problema che è esploso in questi giorni? Viene dal fatto che le banche in questione, negli anni passati, hanno venduto ai risparmiatori titoli rischiosi: azioni e obbligazioni subordinate emesse dalle stesse banche. Le azioni sono notoriamente “capitale di rischio”: non sono un debito della banca, ma una quota nella sua stessa proprietà e come tali soggette al rischio di perdere tutto il loro valore in caso di fallimento. Le obbligazioni subordinate sono una via di mezzo tra debito e azioni: sono un debito della banca, che tuttavia viene rimborsato per ultimo in caso di fallimento, cioè dopo tutti gli altri creditori (come obbligazionisti ordinari, depositanti, fisco). Sono meno rischiose delle azioni, ma più degli altri titoli emessi dalla banca.

Il dovere di informazione alla clientela è stato rispettato? Da quanto emerge sembra di no

Questi semplici concetti non sono sempre noti al piccolo risparmiatore. Sarebbe un dovere di chi vende quei prodotti finanziari alla clientela al dettaglio sottolinearne i rischi e sconsigliarne l’acquisto a chi non è attrezzato, finanziariamente e culturalmente, a sopportarli. Sarebbe comunque bene fare sempre osservare il principio di diversificazione: se proprio vuoi comprare quei titoli, investi una piccola quota della tua ricchezza in uno singolo, ovvero non mettere tutte le uova nello stesso paniere. Il dovere di informazione alla clientela è stato rispettato? Da quanto emerge in questi giorni, sembra di no.

Sul fatto che una banca possa approfittare della fiducia accordatale da un cliente nessuno controlla

C’è una autorità che vigila sulla trasparenza e correttezza dei rapporti tra operatori finanziari e clienti: la Consob. Cosa ha fatto? A quanto pare, si è accontentata degli aspetti formali. L’emissione di un titolo sul mercato deve essere accompagnata da un “prospetto informativo”: un documento che riporta una quantità tale di informazioni che nessuno osa leggerlo, e che ben pochi sono in grado di comprendere. Tutti siamo costretti a dare alla nostra banca le informazioni necessarie a compilare il modulo relativo al nostro “profilo di rischio” (la “Mifid”): un rito che si traduce spesso in una mera formalità. Sulla sostanza, cioè sul fatto che una banca non approfitti della fiducia accordatale da un cliente per vendergli prodotti non adatti a lui/lei, nessuno controlla.

Si dirà: poco importa, tanto le banche non possono fallire, in un modo o nell’altro vengono sempre salvate. Ma da un paio di anni, è vero fino a un certo punto. Dal 1 agosto 2013, infatti, è in vigore una comunicazione della Commissione europea dove si chiarisce che, prima che lo stato possa venire in aiuto di una banca, i detentori di azioni e di obbligazioni subordinate devono subire le perdite necessarie e ridurre al minimo indispensabile l’aiuto dello stato (questa regola è quella che i tecnici chiamano burden sharing). Cosa hanno fatto banche e autorità per informare i risparmiatori di questa novità? A quanto pare, nulla.

E una morale

Dal 1 gennaio 2016, la regola diventerà ancora più severa. In base a una direttiva europea (approvata anche con il voto degli italiani presenti nel parlamento europeo) lo stato potrà venire in aiuto di una banca solo se prima una quota delle perdite sarà stata addossata agli azionisti e ai creditori della banca stessa, compresi i detentori di obbligazioni ordinarie e i depositanti (saranno esentati solo i depositi inferiori ai centomila euro, coperti dall’assicurazione). È il cosiddetto bail in.

Per evitare che si ripetano situazioni simili a quella emersa in questi giorni, e potenzialmente ben più gravi, bisogna che tutti (banche, autorità, organi di stampa) si impegnino in una informazione corretta e capillare ai risparmiatori.
Deve essere chiaro che il mondo è cambiato: i salvataggi bancari interamente a carico dello stato o del fondo interbancario (di assicurazione o di risoluzione) non sono più possibili.

Questo vuol dire che come contribuenti siamo meno esposti al rischio-banca, ma come risparmiatori lo siamo di più. D’altra parte, si sa che in economia “non ci sono pasti gratis”.

Questo articolo è stato pubblicato la prima volta su lavoce.info, con il titolo “Il dovere dell’informazione sui titoli delle banche”.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La musica di Clap! Clap! per i Sassi di Matera
Giovanni Ansaldo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.