03 giugno 2020 17:50

Il 2 giugno la rivista medica britannica The Lancet ha lanciato un avvertimento (expression of concern) riguardo a uno studio, pubblicato nella rivista il 22 maggio, sull’impiego di clorochina e idrossiclorochina sui malati di covid-19. È una scelta poco frequente, che spesso prelude al ritiro dell’articolo in questione, scrive Le Monde.

La ricerca include i dati di oltre 96mila pazienti ricoverati in ospedale in diversi paesi. Tra questi, quasi 15mila avevano ricevuto il trattamento con idrossiclorochina, clorochina o con la combinazione di uno dei due farmaci con un antibiotico, spesso l’azitromicina. Ma non sarebbero emersi benefici dal trattamento con i due farmaci. Inoltre tra i pazienti che avevano ricevuto questa terapia ci sono stati più casi di aritmie del cuore e decessi.

La pubblicazione su The Lancet dello studio firmato da Mandeep Mehra e altri ha spinto l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) a interrompere la sperimentazione sull’idrossiclorochina. La decisione dell’Oms ha a sua volta portato le agenzie del farmaco di Francia e Italia a sospendere l’autorizzazione all’uso off-label dei due trattamenti.

Nel comunicato del 2 giugno di The Lancet si legge che “sono stati sollevati importanti quesiti scientifici riguardo ai dati riportati nell’articolo. Anche se è stato commissionato dagli autori non affiliati a Surgisphere un controllo indipendente sulla provenienza e la validità di questi dati – controllo che è in corso e i cui risultati sono attesi a breve – abbiamo voluto esprimere la nostra preoccupazione per avvisare i lettori che sono stati portati alla nostra attenzione seri interrogativi scientifici”. Surgisphere, l’azienda statunitense che si è occupata della raccolta dei dati per due studi pubblicati su The Lancet e sul New England Journal of Medicine, è ora al centro di un’inchiesta del quotidiano britannico The Guardian.