10 agosto 2022 11:29

Ucraina-Russia
L’8 agosto un deposito di munizioni in una base aerea russa in Crimea è stato colpito da diverse esplosioni. Secondo un funzionario ucraino l’attacco potrebbe essere opera di sabotatori partigiani. Kiev ha negato ogni responsabilità per le esplosioni avvenute nel territorio annesso alla Russia nel 2014, che hanno causato la morte di una persona e otto feriti. A seguito dell’episodio, Mosca ha interrotto le forniture di petrolio attraverso l’Ucraina. Intanto durante la notte del 9 agosto nella regione ucraina di Dnipropetrovsk tredici persone sono morte a causa di un nuovo attacco russo, ha dichiarato il 10 agosto il governatore Valentyn Reznychenko. I bombardamenti sono avvenuti sulla sponda del fiume Dnieper opposta alla centrale nucleare di Zaporižžja.

Unione europea
Le consegne di petrolio russo attraverso l’oleodotto meridionale Druzhba che serve Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca sono state interrotte dal 4 agosto, ha dichiarato il 9 agosto il fornitore russo Transneft. L’azienda petrolifera sostiene che il problema sia causato dalle sanzioni finanziarie dell’Unione europea (Ue). Le banche con sede nell’Ue che gestiscono flussi di denaro dalla Russia non sono attualmente in grado di autorizzare in modo autonomo le singole transazioni e devono attendere l’approvazione delle autorità nazionali.

Cina
Le navi della marina cinese sono rimaste attive al largo delle coste orientali e occidentali di Taiwan la mattina del 10 agosto, ha riferito a Reuters una fonte informata sulla questione. Pechino sta portando avanti le esercitazioni militari, oltre i quattro giorni inizialmente previsti, in segno di protesta contro la visita della scorsa settimana della presidente della camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi sull’isola. Queste sono le più imponenti e lunghe esercitazioni di sempre intorno all’isola autogovernata di Taiwan, che la Cina rivendica come propria. Le esercitazioni hanno incluso lanci di missili balistici, alcuni dei quali hanno sorvolato Taipei, e simulazioni di attacchi aerei e navali nei cieli e nei mari circostanti Taiwan.

Cuba
I vigili del fuoco cubani stanno ancora combattendo contro l’incendio che ha consumato quattro serbatoi su otto nel principale terminal petrolifero di Cuba a Matanzas, ha dichiarato il governatore della regione. Una fuoriuscita di petrolio ha propagato le fiamme il 6 agosto provocando il più grande incidente dell’industria petrolifera dell’isola da decenni. Matanzas è il più grande porto cubano per l’importazione di greggio e carburante che sono usati principalmente per generare elettricità sull’isola.

Burkina Faso
Quindici soldati sono stati uccisi nel nord del Burkina Faso il 9 agosto quando un veicolo da trasporto è passato sopra un ordigno esplosivo nascosto, uccidendo diverse truppe prima che una seconda esplosione uccidesse coloro che erano accorsi in loro aiuto, ha dichiarato l’esercito in un comunicato. L’incidente è avvenuto su una strada rurale nella provincia di Bam, dove soldati e civili sono regolarmente presi di mira da gruppi legati ad Al Qaeda o allo Stato islamico. Gli attacchi sono in continuo aumento e hanno già provocato 1,85 milioni di sfollati e la morte di migliaia di persone in tutta la regione del Sahel.