08 aprile 2020 17:21

Su RaiPlay per qualche giorno è disponibile Veloce come il vento, il film di Matteo Rovere ambientato nel mondo delle corse automobilistiche. Nonostante sia ancora minorenne, Giulia (Matilda De Angelis) corre nel campionato Gt aiutata dal padre, che ha passato la sua vita negli autodromi italiani. Durante una gara l’uomo muore. Giulia da sola ha poche possibilità di concludere il campionato e rischia di perdere la casa, ipotecata per partecipare alle corse. A rendere tutto più difficile, nella sua vita ricompare il fratello più grande, Loris, tossicodipendente completamente allo sbando. Ma forse Loris, un ex pilota, può essere una risorsa e non un ostacolo.

Matteo Rovere è uno che sa il fatto suo. Dà l’impressione di poter fare bene qualsiasi cosa. Matilda De Angelis rimane in perfetto equilibrio tra la tenerezza di un’adolescente e la cattiveria di qualcuno che sa quanto può essere dura la vita. Stefano Accorsi è travolgente nella parte del tossico, sbruffone, casinaro, inaffidabile, ma con un cuore seppellito sotto un cumulo di cianfrusaglie. E poi l’ambientazione gli si addice. Loris poteva essere solo lui. Mi è piaciuta molto anche Roberta Mattei nei panni della dolcissima Annarella. Chi dovesse mancare il film sul sito di RaiPlay, potrà recuperarlo su Netflix o a noleggio su altre piattaforme.

Veloce come il vento
Di Matteo Rovere. Con Stefano Accorsi, Matilda De Angelis, Roberta Mattei, Lorenzo Gioielli, Paolo Graziosi. Italia 2016, 119’. RaiPlay, Netflix