Dove sono gli incompetenti in Europa

29 ottobre 2015 14:30

L’Ocse ha messo in rete un rapporto di Pauline Musset sulle competenze degli adulti finlandesi. Dal 2013 il Piaac dell’Ocse (Programme for the international assessment of adult competencies) dà una discreta idea delle capacità di comprensione di testi scritti (literacy) e di ragionamento scientifico-matematico (numeracy) delle popolazioni di ventitré paesi. Con il suo 40 per cento di adulti succubi di maghi e guaritori, e una scuola media superiore gravemente deficitaria, non sorprende che l’Italia abbia il 70 per cento di incompetenti e con la Spagna occupi l’ultimo posto nella graduatoria internazionale.

Stupisce invece che anche nei quattro paesi con le migliori competenze diffuse (Giappone, Finlandia, Paesi Bassi, Slovacchia) gli adulti con competenze insufficienti superino il 10 per cento. Per competenze la Finlandia è al secondo posto nel mondo. Merito di una scuola altamente inclusiva ed efficiente, che porta tutti gli alunni al diploma superiore con i migliori risultati nelle capacità di lettura e ragionamento scientifico. Ma merito anche di stili di vita che sollecitano negli adulti bisogno e capacità di partecipare, tenersi informati, leggere.

Tuttavia gli adulti tra 16 e 65 anni con competenze insufficienti sono seicentomila, il 16 per cento. Secondo Musset le ragioni sono due: in passato alcuni oggi anziani sfuggirono alla “severa rete” di insegnamento individualizzato; ed è relativamente scarso l’impegno per l’istruzione permanente degli adulti.

Questa rubrica è stata pubblicata il 23 ottobre 2015 a pagina 94 di Internazionale, con il titolo “Il finlandese incompetente”. Compra questo numero | Abbonati

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il rap di Slowthai e la rivincita della provincia
Giovanni Ansaldo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.