OSSESSIONI

Scuole

Come sta la scuola pubblica? In Italia non se la passa troppo bene: alunni e studenti la trovano vecchia e noiosa, e sono pochi i soldi a disposizione per migliorarla. Il confronto con il resto del mondo ci fa capire che non dev’essere per forza così.

Roma ha un problema con gli asili nido

Nel 2017 le domande d’iscrizione sono state 4.725 in meno rispetto a quattro anni fa. I problemi riguardano le rette e le scelte politiche fatte finora. Leggi

Cittadini tra i banchi di scuola

Chiunque capitasse nelle classi italiane capirebbe che la legge sullo ius soli non è un obiettivo de iure, ma è la condizione de facto con cui si fa scuola tutti i giorni. Leggi

pubblicità
Contenuti educativi: perché forma e humour sono importanti

In rete c’è un’infinità di cose divertenti, interessanti, utili. E, a saper cercare, si trovano informazioni di qualità e molte opportunità di imparare qualcosa. Leggi

Com’era la scuola elementare italiana e com’è oggi

Il film di Alberto Lattuada del 1954, Scuola elementare, racconta l’Italia del dopoguerra in bilico tra autoritarismo e democrazia, in corsa verso il boom economico. Leggi

Perché gli insegnanti devono sostenere la battaglia per lo ius soli

Sono oltre 800mila i figli di immigrati che frequentano le nostre aule. Li guardiamo negli occhi tutti i giorni. Non possiamo fare finta di niente. Leggi

pubblicità
Una scuola per tutti

Nel migliore dei mondi possibili tutti dovrebbero studiare lungo l’intera esistenza, e non perché obbligati ma perché studiando si gusta di più la vita. Leggi

Uno sguardo indietro

La scuola è in pausa estiva. Ma poiché, che lo vogliamo o no, riaprirà, ecco un piccolo suggerimento senza pretese. Leggi

I test per entrare all’università sono un rebus

Gli esami di maturità sono per molti studenti l’anticipazione della selezione per le università a numero chiuso. Ma i test per l’accesso sono davvero così validi? Leggi

Che vuoi fare dopo la maturità?

C’è una domanda rituale che viene fatta alla fine di ogni esame orale dai presidenti della commissione, con un tono tra il solenne e il familiare. Leggi

Gli insegnanti fanno bene a protestare contro gli stipendi bassi

Il tema del salario degli insegnanti non è solo una rivendicazione sindacale, ma di democrazia. Leggi

pubblicità
Con le tracce della maturità la scuola ha perso un’occasione

Le tracce per la prima prova dell’esame di maturità sembrano scelte da una commissione che ha preso i primi temi che le sono venuti in mente. Leggi

Cinque ragioni per tornare a don Milani

La scuola italiana ha ancora molto da imparare dal maestro che negli anni sessanta denunciò le sue disuguaglianze. Leggi

Nell’universo classista delle ripetizioni private

Il giro d’affari è di 900 milioni di euro all’anno, l’80 per cento è in nero. E le disuguaglianze tra ragazzi aumentano. Leggi

Perché don Milani dà ancora fastidio

Un ricordo sul prete toscano scritto da una sua stretta collaboratrice, oggi anziana ma ostinatamente onesta e intelligente. Leggi

La scuola buona, a cinquant’anni da Lettera a una professoressa

Nel maggio del 1967 esce Lettera a una professoressa. L’hanno scritto don Lorenzo Milani e gli alunni della scuola di Barbiana, una canonica del Mugello a pochi chilometri da Firenze. Negli anni è diventato un libro manifesto, ma non nel modo auspicato dai suoi autori. Leggi

pubblicità
In Cina la scuola dell’obbligo esclude i figli dei migranti

Alcune scuole nell’area di Pechino accettano i figli dei migranti rurali per offrirgli l’istruzione elementare obbligatoria. Non avendo la residenza nella capitale, i bambini non avrebbero diritto a studiare qui. Ma i loro genitori, invece, qui ci lavorano e quindi, negli anni, si è sviluppato un servizio alternativo a quello statale: scuole private e anche dirigenti scolastici pubblici hanno a cuore il diritto allo studio e accettano gli scolari nei propri istituti. Leggi

Una scuola per adulti

Ci lamentiamo a scadenze fisse per come crescono male i ragazzi. Ed è vero, ma li sentiamo gli adulti, mentre chiacchierano sgrammaticando ad ampio raggio in autobus, in metro o al bar? Leggi

Per la scuola non è mai troppo tardi

Tra il 2000 e il 2011 in India il livello di istruzione è cresciuto del 74 per cento, ma secondo un rapporto dell’Unesco lo squilibrio di genere è ancora forte: il 65 per cento delle donne è ancora analfabeta. Per questo è nata Aajibaichi Shaala, una scuola particolare. Leggi

Tra i banchi delle nuove scuole che seguono le tracce di don Milani

Ho deciso di festeggiare i 50 anni della pubblicazione di Lettera a una professoressa andando a visitare alcune scuole. Scuole un po’ strane, né pubbliche né private, scuole senza voti né bocciature, dove s’insegna a tutti, ricchi e poveri, italiani e immigrati, non “un ospedale che cura i sani e rifiuta i malati, per usare le famose parole di don Milani. Leggi

Lo studente anatra e lo studente capovolto

Oggi gli studenti vengono sommersi da un’enorme quantità di informazioni che loro dovrebbero “imparare”, come se fossero anatre all’ingozzo. Ma, mentre pretende che gli studenti “imparino”, la scuola di norma non fornisce loro nessuno strumento e nessun sostegno per “imparare”, cioè per gestire in modo sano e produttivo le informazioni che elargisce in maniera intensiva e incessante. Ecco un esempio diverso. Leggi

pubblicità