Sveltine

10 ottobre 2018 16:52

Avvertenza. Il linguaggio di questa rubrica è diretto ed esplicito.

Sono stata per un po’ con un uomo etero a cui piace travestirsi e fare foto esplicite. Il problema è che gli accessori che usa sono dei suoi tre figli, che hanno tutti meno di dodici anni. Per farti un esempio, una volta si è vestito da scolaretta zoccola indossando lo zainetto della figlia. Un’altra, da cowgirl zoccola in posa col cavallino di peluche del figlio. Al cavallino ha pure infilato in bocca la sua “carota”. Io gliel’ho detto che non deve usare le cose dei figli. Lui è convinto che i bambini non vedranno mai quelle foto e che quindi non fa male a nessuno. Mi fa orrore il pensiero che quei bambini (magari da adulti) possano incappare nelle sue foto per caso. Lui le posta su Instagram e Facebook, per cui non sono una cosa privata e non può controllare dove vanno a finire. È uno dei motivi per cui l’ho lasciato. C’è qualcosa che posso dirgli?

–Canceled Definitely Promising Relationship Over Photo Sessions

Gli hai detto che quello che fa è sbagliato, gli hai spiegato i rischi che corre e in più l’hai lasciato, CDPROPS. Potresti fare un ultimo tentativo provando a spiegargli che il ritrovamento di quelle foto da parte dei suoi figli non è uno di quegli eventi dalle probabilità minime e dalle conseguenze massime, ovvero una cosa che difficilmente accadrà, ma che se lo facesse sarebbe un vero disastro (pensiamo a un’eruzione di quel super vulcano che è il parco nazionale di Yellowstone, o a un miliardario razzista squilibrato che viene eletto presidente degli Stati Uniti).

No, se lui quelle foto le posta online, almeno uno dei suoi figli finirà per vederle, o lo farà un loro amico. (“Ehi, ma questo non è tuo padre? Con il tuo zainetto?”).
Il tuo ex deve davvero darci un taglio, e per farlo è probabile che gli serva l’aiuto di uno specialista/psicologo.

I miei genitori sono stati sposati per quasi quarant’anni, e sulla carta sembrava andare tutto bene. Litigavano poco, e hanno incarnato l’esempio perfetto di matrimonio solido e monogamo fino a quando non è morta mia madre. Ho da poco ritrovato alcune cose scritte da mio padre, in cui rivela che durante il matrimonio ha avuto diversi rapporti occasionali con uomini. Devo dirgli che lo so? Siamo in confidenza, ma il sesso non è un argomento di cui in genere si parla. Cosa devo fare di questa informazione, ammesso che ne debba fare qualcosa?

–A Deeply Upsetting Lie That Scalds

Quando dici che il loro rapporto sembrava andar bene “sulla carta”, ADULTS, quello che intendi è che avevano un rapporto corretto e affettuoso. Certo, ora sai anche che non era perfetto, ma nessun rapporto lo è. Tua madre è morta (le mie condoglianze), e con questo aspetto di suo marito doveva aver fatto pace da tempo, o forse non lo ha mai saputo. In entrambi i casi, rinfacciare a tuo padre una manciata di cazzi succhiati decenni fa non produrrà nulla di buono.

pubblicità

Sono un maschio eterosessuale di 47 anni, e sono vergine. Qualche consiglio per perdere la verginità?

–Wanting And Hoping

In giro ci sono un sacco di donne vergini dai 40 in su – lo so perché mi scrivono – per cui non sarebbe una cattiva idea specificare nell’annuncio “vergine quarantenne cerca pari”. Trovati una donna nella tua stessa situazione, WAH, e trattala con dolcezza, gentilezza e pazienza, proprio come vorresti essere trattato tu.

***

Sono sposata e poliamorosa, e oltre a mio marito ho un altro partner. Quest’ultimo ha un’amicizia sessuale con una donna che frequenta da prima che ci conoscessimo. L’amica non è poliamorosa, ma da sempre sa che il mio partner lo è. E ha sempre ribadito che non stanno insieme, anche se lui sa che ci rimarrebbe male, se scoprisse che sta con qualcun altro, e quindi adesso non le dice che sta anche con me. Non mi piace essere un segreto. Mio marito sa che sto con un’altra persona, e gli va bene. Se l’amica del mio partner la pensasse come lui, non vedrei alcun problema. Così però ho la strana sensazione di aiutare il partner a tradire l’amica, anche se loro “non sono una coppia” (dice lei). Insomma non è tradimento… oppure sì?

–Pretty Obviously Lost, Yeah

Non è tradimento: è una negazione plausibile. L’amica sessuale del tuo partner preferisce non sapere se lui si vede con qualcun’altra, perciò delle altre partner non gli chiede, e lui non glielo dice. Per accontentare il suo desiderio di non sapere delle altre partner – ovvero essere una coppia aperta in cui “si fa ma non si dice” – deve mantenere il segreto su di te, POLY, perlomeno con lei. Se questa cosa ti mette a disagio, con il partner devi chiudere.

pubblicità

Ho paura di due cose. 1) Che se lascio la mia fidanzata con cui sto da quattro anni butterò via la cosa migliore che abbia mai avuto per paura di non amarla come merita, certe cose “le senti” e basta, o perché abbiamo i normali alti e bassi di una coppia, oltre a soffrire entrambi di problemi di salute mentale. 2) Che non lasciandola la terrò legata a un rapporto che non va bene per la paura di non trovare mai più un’altra come lei, e la verità è che saremmo entrambi più felici con qualcun altro.

–Scared Of Being Alone

1) Nessuno “lo sente e basta”, SOBA, e tutti hanno dei dubbi. Per questo avere una relazione significa prendersi un impegno (farlo in modo cosciente), anziché seguire una specie di pilota automatico dei sentimenti o del sesso che si innesca quando incontriamo la persona “perfetta”. Ci prendiamo un impegno, lo rinnoviamo, perdoniamo e ci arrangiamo come meglio possibile, Eppure, quando ci chiedono delle nostre relazioni, tendiamo a rispondere per stereotipi come “è stato amore a prima vista”, “l’ho sentito e basta”, “Era quello giusto/quella giusta”. Stereotipi che spesso instillano dubbi negli altri sulla qualità delle loro relazioni.


2) Apri iTunes e scaricati l’incisione originale (con il cast di Broadway) di/dei musical Company, Follies e A Little Night Music. E presta particolare attenzione alle canzoni Sorry-Grateful, The Road You Didn’t Take, e Send in the Clowns.

***

Se ti scrivo una lettera per chiedere un consiglio ma non voglio vederla pubblicata, nemmeno in forma anonima, tu mi rispondi?

–Keeping It Confidential, ’Kay?

Pur non potendo rispondere privatamente a tutte le lettere che ricevo, KICK, ogni tanto capita che lo faccia. Ho solo una richiesta: se mi scrivete una lettera che non volete veder pubblicata, per favore ditelo all’inizio. Mi capita spesso di leggere lettere lunghissime - tanto che mi metto a prendere appunti o contattare esperti prima ancora di finire la lettura - per poi trovare un bel “per favore non pubblicarla” alla fine. Se una lettera non va pubblicata, vi prego di specificarlo all’inizio. In questo modo, vi assicuro, aumentano le possibilità che riceviate una risposta in privato.

(Traduzione di Matteo Colombo)

Savage love è una rubrica di consigli sessuali e di coppia pubblicata su The Stranger.

Abbonati per ricevere Internazionale
ogni settimana a casa tua.

Abbonati
pubblicità

Articolo successivo

Emmanuel Macron è sempre più solo in Europa
Pierre Haski