I ribelli houthi alla conquista di Taiz nello Yemen

La città è importante dal punto di vista strategico, perché si trova a metà strada tra la capitale Sanaa, già nelle mani dei ribelli, e Aden

Cinque morti in una manifestazione contro gli houthi a Taiz, nello Yemen

Cinque persone sono state uccise e 80 sono state ferite a Taiz, nel sudovest dello Yemen, quando i ribelli sciiti houthi hanno aperto il fuoco contro una manifestazione ostile alla loro presenza in città. I manifestanti stavano protestando per il terzo giorno di seguito contro l’occupazione della città. Il 22 marzo gli houthi hanno conquistato l’aeroporto e un accampamento delle forze speciali di Taiz, la terza città più grande del paese, importante dal punto di vista strategico perché si trova a metà strada tra la capitale Sanaa e Aden. Afp

Proteste contro i ribelli houthi a Taiz, nello Yemen

Gli abitanti di Taiz, città strategica in una zona centrale dello Yemen, protestano contro la conquista dell’aeroporto da parte dei ribelli houthi. Leggi

pubblicità
Dopo gli attentati a Sanaa
Yemen, i ribelli houthi hanno occupato una parte della città di Taiz

La città di Taiz, la terza più grande dello Yemen, è stata in parte occupata dai ribelli sciiti houthi. Lo confermano fonti delle forze di sicurezza locali. I combattenti houthi, che da gennaio controllano la capitale Sanaa e hanno costretto il governo alle dimissioni, hanno preso il controllo dell’aeroporto, mentre diversi carri armati si dirigono verso il centro della città.

Taiz è importante dal punto di vista strategico, perché si trova a metà strada tra Sanaa e Aden, dove si è rifugiato l’ex presidente Abd Rabbo Mansur Hadi. Il consiglio di sicurezza dell’Onu terrà oggi una riunione d’emergenza sulla situazione nello Yemen. Bbc

Gli Stati Uniti hanno ordinato a cento soldati delle forze speciali di lasciare lo Yemen dopo l’attentato di ieri. Cnn

Gli Stati Uniti hanno ordinato a cento soldati delle forze speciali di lasciare lo Yemen dopo l’attentato di ieri. Cnn

pubblicità
Cosa sta succedendo nello Yemen

Al Jazeera

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.