Sono 768 i migranti della nave BlueSkyM portati in salvo a Gallipoli

Dalla nave era stato lanciato un segnale di emergenza mentre si trovava a largo di Corfù. Secondo alcune fonti i passeggeri sono migranti siriani e curdi, imbarcati in Turchia e lasciati alla deriva dall’equipaggio

La confessione dello scafista del cargo BlueSkyM

Secondo quanto riportato dagli interrogatori della polizia, il migrante siriano Sarkas Rani ha ricevuto 15mila dollari dai trafficanti in Turchia per mettersi al comando del cargo moldavo BlueSkyM. Dopo aver portato la nave carica di migranti siriani in acque greche, Rani avrebbe impostato il pilota automatico. La nave è stata soccorsa dalle autorità italiane il 31 dicembre. Circa

Sono 768 i migranti a bordo della nave BlueSkyM

I migranti a bordo della nave BlueSkyM portati in salvo a Gallipoli sono 768. Lo annuncia su Twitter la Guardia Costiera.

pubblicità
Perché la Grecia non ha cercato di aiutare i migranti del cargo BlueSkyM?

Dopo un viaggio durato più di dodici ore, alle 3.30 di notte dell’ultimo dell’anno attracca nel porto di Gallipoli, estrema punta dell’Italia, la nave mercantile moldava BlueSkyM. A bordo ci sono 768 migranti, tra loro molte donne e bambini. Probabilmente profughi siriani. Sulla penisola salentina soffia un vento gelido, i migranti scendono lentamente dalla nave assistiti dagli operatori della croce rossa e dalla guardia costiera, un centinaio presentano sintomi di ipotermia. Ci sono donne incinte, un ferito, quattro morti. La maggior parte dei migranti è in salvo, ma la vicenda che li ha portati ad approdare sulle coste del Salento rimane ancora da chiarire. Leggi

Ritrovati i corpi di quattro persone sulla nave BlueSkyM arrivata a Gallipoli con a bordo più di novecento migranti. Reuters

I corpi senza vita di quattro persone sono stati ritrovati sulla nave BlueSkyM, arrivata a Gallipoli con a bordo più di novecento migranti. Reuters

I migranti portati in salvo a Gallipoli sono più di novecento

Sono più di novecento i migranti arrivati a Gallipoli sulla nave BlueSkyM, lasciata alla deriva nel mar Adriatico dall’equipaggio la mattina del 30 dicembre. Lo ha confermato la Guardia costiera che si è occupata delle operazioni di salvataggio. Afp

pubblicità
La nave BlueSkyM è arrivata al porto di Gallipoli

La nave cargo moldava BlueSkyM è arrivata al porto di Gallipoli nella notte.

Le operazioni di soccorso sono state condotte da un gruppo di militari della capitaneria di porto e della guardia costiera italiana.

Un testimone ha riferito alla Bbc di aver visto centinaia di persone scendere dalla nave, da cui ieri era partito un segnale di emergenza mentre si trovava a largo di Corfù. Non ci sono conferme sul numero di persone a bordo o sulla salute dei passeggeri. Diverse persone sono state portate in ospedale dalla Croce rossa italiana per accertamenti.

Secondo alcune fonti i passeggeri sono migranti siriani e curdi, imbarcati in Turchia e lasciati alla deriva nel canale di Otranto dall’equipaggio, forse composto da scafisti. Bbc, La Repubblica

La nave cargo BlueSkyM è a dodici miglia dalla costa salentina

La nave cargo moldava BlueSkyM, che trasporta centinaia di migranti e nelle scorse ore ha lanciato un messaggio di emergenza al largo di Corfù, si trova a dodici miglia dalla costa salentina. Al momento una motovedetta della capitaneria di porto di Gallipoli è vicina al mercantile e sta coordinando le operazioni di soccorso.

Nessun problema sul cargo al largo di Corfù

Le autorità greche hanno ispezionato il mercantile che ha lanciato un segnale di emergenza mentre navigava al largo di Corfù, in Grecia. Secondo le autorità, il cargo non ha nessun problema e può continuare il suo tragitto. Il mercantile si trova a 15 miglia dalla costa salentina. Afp

La nave che ha lanciato l’sos a Corfù ora si dirige verso le coste salentine

La nave cargo BlueSkyM, che trasporta centinaia di migranti e nelle scorse ore ha lanciato un messaggio di emergenza al largo di Corfù, si sta dirigendo verso la costa salentina. Lo ha confermato il comandante della capitaneria di Porto di Gallipoli, Attilio Daconto.

La nave a largo di Corfù ha invertito la rotta verso l’Italia

Secondo il sito di monitoraggio marittimo MarineTraffic la nave BlueSkyM, da cui è stato lanciato un segnale di emergenza a largo di Corfù, ha cambiato la rotta per dirigersi verso l’Italia.

pubblicità
A bordo del cargo al largo di Corfù ci sono dei migranti siriani

Il sindaco di Corfù, Costas Nikolouzos, ha annunciato che sul cargo che ha lanciato un segnale d’emergenza al largo dell’isola greca viaggiano dei migranti siriani. Lo riferisce il sito greco Zougla.gr. Secondo la guardia costiera, gli uomini sarebbero stati abbandonati dagli scafisti.

Le autorità greche in soccorso di una nave con centinaia di persone a bordo

La Grecia ha mandato una nave militare e un elicottero al largo di Corfù, dove un cargo con centinaia di migranti a bordo ha lanciato un segnale di emergenza. La nave, che batte bandiera moldava, si trova vicino all’isola di Othonoi. Secondo le autorità, a bordo della nave ci sarebbero circa 600 migranti. I mezzi della marina greca erano già in zona per i soccorsi al traghetto Norman Atlantic. Ap

Una nave moldava invia un segnale di emergenza per uomini armati a bordo

Una nave con centinaia di passeggeri a bordo al largo dell’isola greca di Corfù ha inviato un segnale di emergenza per la possibile presenza di persone armate a bordo. Lo afferma la tv greca di stato Nerit e le autorità greche hanno confermato.

Secondo il ministro dei trasporti greco, si tratta di una nave battente bandiera moldava con a bordo presunti migranti irregolari. Reuters

Secondo la tv di stato greca una nave che si trova nei pressi di Corfù ha lanciato un segnale di allarme per la possibile presenza di uomini armati a bordo. Reuters

Secondo la tv di stato greca una nave che si trova nei pressi di Corfù ha lanciato un segnale di allarme per la possibile presenza di uomini armati a bordo. Reuters

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.