John Kerry

Tensioni tra Turchia e Stati Uniti dopo il colpo di stato fallito

Decine di migliaia di persone sono scese in piazza ieri sera a Istanbul, Ankara e Izmir per celebrare il fallimento del colpo di stato militare del 15 luglio.

Oggi si riunisce il governo in seduta straordinaria, mentre in tutto il paese continuano le ritorsioni su esercito e magistratura: finora sono state arrestate circa seimila persone, tra cui cinquanta ufficiali solo nella mattina del 17 luglio, e circa tremila giudici e pubblici ministeri sono stati sospesi, con l’accusa di aver sostenuto il golpe.

Il presidente Recep Tayyip Erdoğan sta purgando tutti quelli che considera vincolati a Fethullah Gülen, un religioso molto influente nel paese che vive in Pennsylvania, negli Stati Uniti. L’imam nega il suo coinvolgimento, ma le autorità turche concentrano le accuse su di lui.

Il primo ministro Binali Yıldırım ha dichiarato che nessun paese che ospita Gülen può essere considerato amico della Turchia. Erdoğan ne ha chiesto l’estradizione e il ministro del lavoro ha suggerito che gli Stati Uniti siano dietro al tentativo di sovvertire il governo turco.

Il segretario di stato John Kerry ha replicato chiedendo ad Ankara di non fare “insinuazioni pubbliche” sul coinvolgimento statunitense, affermazioni “assolutamente false e dannose” per le relazioni tra i due paesi.

John Kerry chiede di sospendere i bombardamenti su Aleppo.
John Kerry chiede di sospendere i bombardamenti su Aleppo. Il segretario di stato americano è andato a Ginevra, dove si tengono i colloqui per la pace in Siria guidati dall’Onu, per esortare governo e ribelli a fermare i combattimenti nella città, dove nell’ultima settimana sono morti più di 250 civili, tra cui almeno quaranta bambini, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani.
pubblicità
John Kerry in Cina
Kerry e Hanuman
Stati Uniti e Russia cercano una linea comune sulla Siria.
Stati Uniti e Russia cercano una linea comune sulla Siria. Il segretario di stato statunitense John Kerry ha incontrato a Mosca il presidente Vladimir Putin per cercare una soluzione alla guerra civile in Siria e coordinare le rispettive campagne militari contro i jihadisti. Dopo l’incontro Kerry ha confermato che Stati Uniti e Russia collaboreranno in modo più stretto. Ancora da sciogliere il nodo del ruolo del presidente Bashar al Assad: Washington lo vuole rimuovere, per Mosca è un alleato.
pubblicità
Stati Uniti e Russia discutono della strategia in Siria.
Stati Uniti e Russia discutono della strategia in Siria. Il segretario di stato statunitense John Kerry incontrerà a Mosca il presidente Vladimir Putin per cercare una soluzione alla guerra civile in Siria e coordinare le rispettive campagne militari contro i jihadisti. Da sciogliere il nodo del ruolo del presidente Bashar al Assad: Washington lo vuole rimuovere, per Mosca è un alleato.
Passi avanti per la pace
Un giro al tempio
Una giornata ad Astana
Riuniti a Berlino John Kerry e Benjamin Netanyahu.
Riuniti a Berlino John Kerry e Benjamin Netanyahu. Il segretario di stato degli Stati Uniti ha chiesto al premier israeliano di “fermare tutte le violenze”. Questa mattina la polizia israeliana ha sparato a due palestinesi che avevano cercato di accoltellare un seminarista ebreo vicino a Gerusalemme. Uno dei due è rimasto ucciso. Nella notte un soldato israeliano ha ucciso un concittadino che aveva scambiato per un aggressore palestinese.
pubblicità
John Kerry incontrerà Benjamin Netanyahu e Abu Mazen in settimana.
John Kerry incontrerà Benjamin Netanyahu e Abu Mazen in settimana. Il segretario di stato statunitense vedrà il premier israeliano durante la sua visita in Germania e poi, in Medio Oriente, il leader dell’autorità palestinese. Kerry ha programmato i due viaggi visto l’intensificarsi degli scontri –in cui sono morti sette israeliani e circa 40 palestinesi – nelle ultime due settimane.
Nuove accuse alla Russia sui bombardamenti in Siria.
Nuove accuse alla Russia sui bombardamenti in Siria. Il segretario di stato John Kerry ha ribadito al ministro degli esteri russo Sergej Lavrov che il vero obiettivo dei raid russi non è lo Stato islamico ma altri gruppi ribelli, più moderati, che combattono contro il presidente Bashar al Assad. Un gruppo siriano addestrato dalla Cia ha riferito intanto che il suo campo di addestramento nella provincia di Idlib è stato colpito da una ventina di missili russi.
Gli Stati Uniti accoglieranno centomila profughi l’anno dal 2017.
Gli Stati Uniti accoglieranno centomila profughi l’anno dal 2017. Lo ha annunciato il segretario di stato John Kerry, dopo un incontro a Berlino con il ministro degli esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier. Nel 2016 saranno ricevuti 85mila migranti di cui almeno diecimila siriani, con un deciso aumento sulla quota annuale di 70mila.
Nuovo rinvio per i negoziati sul nucleare iraniano

È stata prorogata di nuovo, fino a venerdì 10 luglio, la scadenza dell’accordo preliminare sul programma nucleare iraniano tra Teheran e il gruppo dei 5+1 (i membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu più la Germania). In questo modo, i negoziatori riuniti a Vienna potranno portare avanti le trattative per un’intesa definitiva. Uno dei “nodi principali” che restano da risolvere è la questione delle sanzioni imposte dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel 2010 sul programma missilistico iraniano. Leggi

John Kerry ricoverato in ospedale a Ginevra dopo un incidente con la bici

Il segretario di stato statunitense John Kerry ha avuto un incidente con la bicicletta mentre si trovava in Alta Savoia, al confine tra Francia e Svizzera. Il dipartimento di stato ha annunciato che Kerry è stato ricoverato in ospedale e “probabilmente ha una gamba rotta”. L’incidente è avvenuto verso le 9.40 a Scionzier, il segretario di stato è stato trasportato in ospedale a Ginevra in elicottero. Le sue condizioni sono stabili e non “ha perso conoscenza”.

pubblicità
Il segretario di stato statunitense John Kerry è stato ricoverato in ospedale a Ginevra, dopo aver avuto un incidente con la bicicletta. Reuters

Il segretario di stato statunitense John Kerry è stato ricoverato in ospedale a Ginevra, dopo aver avuto un incidente con la bicicletta. Reuters

John Kerry in Russia per incontrare Vladimir Putin

Il segretario di stato statunitense John Kerry è arrivato in Russia per incontrare il presidente Vladimir Putin, nella sua prima visita in Russia dall’inizio della crisi in Ucraina a gennaio del 2014. Il segretario di stato incontrerà anche il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov a Soči, sul mar Nero, e proprio la questione ucraina sarà al centro del colloquio. Il portavoce di Putin ha definito la visita “un passo positivo” nelle relazioni tra i due paesi, così come il portavoce del dipartimento di stato statunitense ha sottolineato che l’incontro è “parte di un impegno continuo per mantenere un filo diretto con la Russia”. Tra i temi all’ordine del giorno anche la Siria, lo Yemen e il programma nucleare iraniano.

Stati Uniti e Cuba, lo storico colloquio tra John Kerry e Bruno Rodríguez

Il segretario di stato statunitense, John Kerry, e il ministro degli esteri cubano, Bruno Rodríguez, hanno tenuto dei colloqui a porte chiuse a Panamá. Si tratta dell’incontro di più alto livello diplomatico tra Washington e L’Avana da più di mezzo secolo.

Nel frattempo, secondo fonti dell’amministrazione statunitense, il dipartimento di stato ha deciso di togliere Cuba dalla lista dei paesi che sostengono il terrorismo. Questa decisione potrebbe portare presto i due paesi a riaprire le rispettive ambasciate.

Barack Obama e Raúl Castro dovrebbero incontrarsi per il loro primo vertice ufficiale nei prossimi giorni al vertice delle Americhe a Panamá. Stati Uniti e Cuba avevano annunciato la ripresa delle relazioni diplomatiche a dicembre 2014.

La partita a poker di John Kerry

A volte si può non aver detto qualcosa pur avendone parlato. Questo vale soprattutto per i diplomatici, e domenica, contrariamente alle notizie che sono circolate frettolosamente, il segretario di stato americano non ha affatto dichiarato che gli Stati Uniti sono rassegnati all’idea che Bashar al Assad resterà al suo posto. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.