Bernard Guetta

È un giornalista francese esperto di politica internazionale. Ha una rubrica quotidiana su radio France Inter. In Italia ha pubblicato Intima convinzione. Come sono diventato europeo (Add editore 2017).

Bernard Guetta
La parola a Emmanuel Macron

Se vogliamo capire la concezione del mondo, della Francia e dell’Europa del nuovo presidente francese, dobbiamo leggere una sua intervista uscita oggi. Leggi

La strada dell’Europa verso una difesa comune

La difesa comune europea di cui si parla da anni potrebbe nascere presto. Per la prima volta Francia e Germania sono sulla stessa lunghezza d’onda. Leggi

pubblicità
Russia e Stati Uniti si contendono il futuro della Siria

All’interno del conflitto che dura da sei anni in Siria se n’è sviluppato un altro per determinare chi assumerà il controllo dei territori del gruppo Stato islamico. Leggi

Il sogno europeo di Helmut Kohl

Helmut Kohl, ex cancelliere che aveva realizzato l’unificazione del suo paese dopo la caduta del muro di Berlino, ha potuto morire in pace. Leggi

Donald Trump rischia davvero di essere messo in stato d’accusa?

L’impeachment è una decisione soprattutto politica. Saranno i repubblicani del congresso a dover decidere se questo presidente è diventato un pericolo. Leggi

pubblicità
Le donne leader del Regno Unito

La vita politica del Regno Unito oggi è in mano a donne fuori del comune. Leggi

L’improvvisa crisi dei partiti euroscettici

Galvanizzati dal sì britannico all’uscita dall’Unione, nel giro di sei giorni hanno subìto varie delusioni. Leggi

Il Marocco in rivolta contro le disuguaglianze

La morte tragica di un pescatore ha scatenato delle manifestazioni pacifiche che vanno avanti da mesi. Leggi

Da Parigi e Londra buone notizie per l’Europa

In tre giorni tutto è cambiato in Europa. Nel Regno Unito chi voleva una Brexit dura è stato sconfitto, e in Francia ha vinto chi vuole rilanciare l’Unione. Leggi

Theresa May ha perso la sua scommessa

La premier britannica voleva ottenere un mandato popolare per avviare in posizione di forza i negoziati sulla Brexit, ma è accaduto l’esatto contrario. Leggi

pubblicità
Gli attentati a Teheran sono opera di terroristi allo sbando

Il gruppo Stato islamico non ha più la forza di un tempo. Ma questo non significa che il Medio Oriente uscirà presto dal caos. Leggi

Alla vigilia delle elezioni i laburisti britannici guadagnano terreno

Alle elezioni dell’8 giugno i britannici potrebbero punire i conservatori sia per la Brexit sia per i tagli alla sanità e alle forze di polizia. Leggi

Il Qatar nel mirino degli altri paesi del golfo Persico

Il paese ha creato Al Jazeera, è stato troppo indipendente dagli stati del Golfo, ha sostenuto i Fratelli musulmani e non è stato intransigente con l’Iran. Leggi

Sauditi e iraniani si scambiano accuse e alimentano le tensioni 

Teheran accusa l’Arabia Saudita di alimentare il jihadismo. Ma l’Iran alimenta guerre classiche altrettanto destabilizzanti per la regione. Leggi

Un giorno nero nella lotta al riscaldamento globale

Il 1 giugno 2017 resterà nella storia come un giorno nero nella lotta al riscaldamento globale. Ma a guidare Trump sono ragioni di politica interna. Leggi

pubblicità
Dalla Siria all’Europa, un’intervista a Vladimir Putin

Il presidente russo ha ipotizzato un assetto federale per la Siria e una trattativa per un nuovo accordo sulla sicurezza e la cooperazione in Europa. Leggi

Francia e Germania vogliono trasformare l’Unione europea

In Francia si parla di “potenza europea” da anni. Finora il concetto ha avuto poco successo nel continente, ma ora diventa tedesco e piace all’Italia. Leggi

La diplomazia pragmatica di Macron con Putin

Entrambi i presidenti hanno tutto l’interesse a far funzionare la loro intesa. È per questo che hanno potuto parlare molto chiaramente. Leggi

Vladimir Putin va a Parigi per costruire nuove alleanze

Il presidente russo ha bisogno di voltare pagina e Macron regalerebbe prestigio a sé e alla Francia se riuscisse a ricucire i rapporti europei con Mosca. Leggi

Donald Trump è ancora un mistero per gli europei

Il vertice della Nato del 25 maggio a Bruxelles poteva offrire al presidente statunitense l’occasione di chiarire le sue posizioni. Ma lui l’ha sprecata. Leggi

pubblicità