Bernard Guetta

È un giornalista francese esperto di politica internazionale. Scrive una rubrica settimanale per la rivista economica francese Challenges, pubblicata sul sito di Internazionale. In Italia ha pubblicato Intima convinzione. Come sono diventato europeo (Add editore 2017).

Bernard Guetta
Gli errori del popolo sovrano

La sovranità popolare è sacra, ma questo non significa che il popolo abbia sempre ragione. Leggi

Nonostante gli errori, un fallimento di Macron danneggerebbe tutti

I salari in Francia sono bloccati. Lo stato chiude servizi pubblici, commissariati, reparti di maternità. Però Macron resta l’ultimo sostenitore del multilateralismo. Leggi

pubblicità
Putin vuole dare fuoco alle polveri in Ucraina

L’Ucraina ha i suoi torti, come li hanno gli occidentali. Ma il primo dei problemi, oggi, è la Russia. Leggi

Ora il Partito democratico statunitense deve reinventarsi

Abbiamo assistito a una vera ondata democratica, ma ora i liberal hanno solo due anni per organizzare la battaglia per la Casa Bianca. Leggi

Apriamo gli occhi sulle dittature che avanzano

I popoli dei cinque continenti sono alle prese con cambiamenti radicali a cui chiedono risposte immediate che le istituzioni e i leader politici non possono fornire, comunque non in tempi brevi. Leggi

pubblicità
La vicenda Khashoggi disturba chi vuole vendere armi e petrolio

Mohammed bin Salman è diventato un problema per il paese e i suoi alleati occidentali. Leggi

In Europa il vuoto politico fa spazio ai nazionalismi

I partiti tradizionali che hanno governato nel dopoguerra sono in crisi e si moltiplicano nuove forze, spesso effimere. Se non si inverte la rotta, l’Unione potrebbe finire per sfaldarsi a velocità esponenziale. Leggi

È il momento di difendere la democrazia in tutta Europa

Nell’Europa centrorientale avanza l’estrema destra ora che la cancelliera tedesca è indebolita e il presidente francese è in difficoltà. Leggi

Un appello per l’Europa

Contro l’avanzata delle estreme destre nei paesi dell’Unione, bisogna favorire i fronti comuni di tutti i democratici. Leggi

L’Italia ha scelto la politica del braccio di  ferro con Bruxelles

Annunciando che il deficit dell’Italia raggiungerà il 2,4 per cento del pil, la coalizione al governo ha ignorato le attese dei mercati e della Commissione europea. Ma è una manovra pericolosa. Leggi

pubblicità
La solitudine di Emmanuel Macron

Sulla scena internazionale il presidente francese ha a disposizione solo le parole e in Europa non può appoggiarsi a nessuno degli altri leader dell’Unione. Leggi

Buone notizie per Vladimir Putin

Se fossi nel presidente russo non crederei alla mia fortuna, scrive l’opinionista francese Bernard Guetta. Che prova a mettersi nei suoi panni. Leggi

Angela Merkel ha rafforzato l’estrema destra in Europa?

La cancelliera tedesca nel 2015 ha accolto un milione di profughi. Una scelta che per molti ha rafforzato populisti e nazionalisti. Ma non è così. Leggi

Il caos del mondo deve spingere i giornalisti a tornare sul campo

Dopo il 1989 il mondo sembrava più unito che mai. Ma oggi è diviso e non può essere analizzato con i vecchi strumenti, tanto meno a distanza. Leggi

L’Europa deve collaborare con l’est e guardare oltre il Mediterraneo

I 27 devono trovare un’intesa con la Russia per mettere fine alla conflittualità e lanciare un partenariato con l’Africa. Leggi

pubblicità
La sfida per salvare l’Unione europea

Per la destra e la sinistra europee è arrivato il momento di collaborare e di ostacolare insieme i revanscismi e i nazionalismi come quelli di Trump e Putin. Leggi

Ora più che mai serve una politica comune europea

Per quanto maggioritario, il partito europeista è sulla difensiva perché diviso, demoralizzato e disperso, mentre gli eurofobi si affidano a slogan chiari. Leggi

La crisi tra Europa e Stati Uniti cambia il mondo di oggi

Gli occidentali si dividono, Washington si isola e l’ascesa cinese è inarrestabile. Perciò esco dagli studi di France Inter dopo 27 anni e torno a parlare del mondo come reporter sul campo. Leggi

I leader europei trovano un accordo, dopo una notte difficile

Nonostante l’intransigenza italiana, a Bruxelles i capi di stato e di governo dell’Unione europea hanno trovato un compromesso sui temi più importanti del vertice, tra cui l’immigrazione. Leggi

Nuvole minacciose sull’Europa 

Le divisioni sono ben note. Per questo motivo il Consiglio europeo che si apre oggi potrà concludersi al massimo con un falso consenso. Leggi

pubblicità