Bernard Guetta

È un giornalista francese esperto di politica internazionale. Ha una rubrica quotidiana su radio France Inter. In Italia ha pubblicato Intima convinzione. Come sono diventato europeo (Add editore 2017).

Bernard Guetta
Il caos del mondo deve spingere i giornalisti a tornare sul campo

Dopo il 1989 il mondo sembrava più unito che mai. Ma oggi è diviso e non può essere analizzato con i vecchi strumenti, tanto meno a distanza. Leggi

L’Europa deve collaborare con l’est e guardare oltre il Mediterraneo

I 27 devono trovare un’intesa con la Russia per mettere fine alla conflittualità e lanciare un partenariato con l’Africa. Leggi

pubblicità
La sfida per salvare l’Unione europea

Per la destra e la sinistra europee è arrivato il momento di collaborare e di ostacolare insieme i revanscismi e i nazionalismi come quelli di Trump e Putin. Leggi

Ora più che mai serve una politica comune europea

Per quanto maggioritario, il partito europeista è sulla difensiva perché diviso, demoralizzato e disperso, mentre gli eurofobi si affidano a slogan chiari. Leggi

La crisi tra Europa e Stati Uniti cambia il mondo di oggi

Gli occidentali si dividono, Washington si isola e l’ascesa cinese è inarrestabile. Perciò esco dagli studi di France Inter dopo 27 anni e torno a parlare del mondo come reporter sul campo. Leggi

pubblicità
I leader europei trovano un accordo, dopo una notte difficile

Nonostante l’intransigenza italiana, a Bruxelles i capi di stato e di governo dell’Unione europea hanno trovato un compromesso sui temi più importanti del vertice, tra cui l’immigrazione. Leggi

Nuvole minacciose sull’Europa 

Le divisioni sono ben note. Per questo motivo il Consiglio europeo che si apre oggi potrà concludersi al massimo con un falso consenso. Leggi

Il pericolo per l’Europa non viene dal mare ma dall’estrema destra

Ciò che oggi potrebbe davvero spaccare l’Unione è la paura dell’immigrazione e la capacità di sfruttarla che hanno i partiti di estrema destra. Leggi

Sui migranti l’Europa si presenta sempre più divisa

Al vertice europeo del 28 e 29 giugno a Bruxelles si parte da almeno tre posizioni diverse. Leggi

Le due facce della vittoria di Erdoğan

In Turchia il malessere è grande, ma i risultati sono là e ormai è impensabile che vengano smentiti. Leggi

pubblicità
Gli avversari di Erdoğan temono la sua sconfitta

Anche se è ancora molto popolare e controlla tv e giornali, Erdoğan potrebbe perdere le elezioni per la disastrosa situazione economica della Turchia. E l’opposizione potrebbe avere enormi difficoltà a governare. Leggi

Il cinismo di Trump ha disgustato gli Stati Uniti

Il presidente ha annunciato un passo indietro sulla pratica di separare gli immigrati irregolari provenienti dall’America Latina dai loro figli. Leggi

Merkel e Macron rilanciano il progetto europeo

Bilanci e difesa comuni, sicurezza dei conti bancari, maggiori investimenti: Francia e Germania guardano al futuro dell’Unione europea. Leggi

La linea della paura che unisce l’estrema destra europea e Trump

Negli Stati Uniti quasi duemila bambini migranti sono stati separati dai genitori e rinchiusi in centri di detenzione. Ma anche in Europa la politica xenofoba prende piede. Leggi

Francia e Germania cercano una nuova intesa per l’Europa

Emmanuel Macron e Angela Merkel s’incontreranno faccia a faccia il 19 giugno per definire i nuovi equilibri europei. Leggi

pubblicità
Conte a Parigi cerca la solidarietà dell’Europa

Nonostante Emmanuel Macron abbia sconvolto gli italiani parlando di “cinismo” e “irresponsabilità”, il nuovo presidente del consiglio italiano Giuseppe Conte non ha annullato la sua visita prevista per venerdì all’Eliseo. Leggi

Per Erdoğan il risultato delle elezioni non è scontato

Controlla i mezzi d’informazione e gode di una popolarità ancora consistente, ma il 24 giugno il presidente turco deve fare i conti con la concorrenza. Leggi

L’ipocrisia di Macron con l’Italia

Il presidente francese avrebbe fatto meglio ad ammettere che i partner europei, a cominciare da Parigi, hanno abbandonato l’Italia nella vicenda dei profughi. Leggi

La vittoria di Kim Jong-un

È partito un negoziato – vero, diretto, difficile e inevitabilmente lungo, ma piuttosto promettente – tra la prima potenza mondiale e la Corea del Nord. Leggi

Al G7 tramontano le illusioni di un dialogo

L’Europa vuole reagire alle posizioni di Trump accelerando in direzione di una maggiore integrazione e dunque di un ripensamento della sua evoluzione politica. Leggi

pubblicità