Parkinson

Sul ring contro il morbo di Parkinson

Una giornata nella palestra di Ponte Lambro, Como, dove si pratica la Rock steady boxing, un tipo di pugilato senza contatto che aiuta i malati di Parkison. Leggi

Un ballo contro il morbo di Parkinson

Dal 2013 un gruppo di anziani e malati di Parkinson si incontra per danzare insieme nelle sale del Museo civico di Bassano del Grappa. Alcuni partecipanti e il coreografo Roberto Casarotto raccontano il progetto Dance well che sabato 26 novembre, in occasione della Giornata della malattia di Parkinson, li vedrà impegnati in una performance nelle sale del museo. Il video di Giulia Bondi, Germana Lavagna e Alessandro Petri. Leggi

pubblicità
La malattia in Italia

Ministero della salute

La ricerca dell’università di Lund

Fa ben sperare il risultato della sperimentazione dell’uso di cellule staminali per combattere il morbo di Parkinson.

Il test è stato effettuato in alcuni ratti, nei quali era stata simulata la malattia. I ricercatori dell’università di Lund, che hanno pubblicato lo studio su Cell Stem Cell, hanno trasformato delle cellule staminali embrionali umane in neuroni capaci di usare la dopamina, cioè hanno ricreato proprio i neuroni che sono distrutti nel corso della malattia.

Questi nuovi neuroni sono stati trapianti nel cervello degli animali, nei quali hanno innervato in modo stabile le parti distrutte. Gli animali hanno riacquistato molte delle funzionalità motorie che avevano perso. Un esperimento di questo tipo era già stato fatto con delle cellule prelevate da feti umani abortiti. In futuro il trapianto di staminali potrebbe essere sperimentato sugli esseri umani.

Il morbo di Parkinson è una malattia diffusa soprattutto tra le persone anziane. Porta alla distruzione dei neuroni che controllano i movimenti. I trattamenti attuali hanno molti effetti collaterali e a lungo termine perdono efficacia. Cell Stem Cell

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.