La maggioranza delle vittime dell’attentato a Sousse sarebbe di nazionalità britannica

Le vittime britanniche dell’attentato sono 15, ma secondo le autorità del paese questo dato è destinato ad aumentare: le vittime potrebbero essere almeno 30. Secondo un bilancio provvisorio, i morti nell’attentato sulla spiaggia di Sousse sono almeno 38. Il presunto responsabile dell’attentato, Seifeddine Rezgui, è stato ucciso dalla polizia

L’industria del turismo tunisina in grave crisi dopo l’attacco a Sousse 

29 giugno 2015 13:43

Le spiagge tunisine hanno riaperto ai turisti il 28 giugno, dopo l’attentato in cui il 26 giugno sono state uccise almeno 38 persone. Ma l’industria del turismo del paese, principale fonte di guadagno per i tunisini, è stata pesantemente colpita da quest’ultimo attacco che segue di pochi mesi l’attentato al museo del Bardo il 18 marzo, nel quale sono state uccise 24 persone.

Secondo l’agenzia del turismo britannico, sono almeno 20mila i britannici che sono in vacanza in Tunisia al momento, si tratta di cifre sottostimate perché molti sono in viaggio in maniera indipendente. Tremila britannici sono già tornati nel Regno Unito dopo l’attentato. Le autorità tunisine hanno garantito che le misure di sicurezza nei siti turistici e archeologici sono state rafforzate. Oggi si recheranno in Tunisia i ministri dell’interno di Regno Unito, Francia e Germania per discutere degli standard di sicurezza nel paese.

pubblicità