Fuori dai manicomi. Quarant’anni di legge Basaglia

09 maggio 2018 10:00

“Io sono sempre stata in manicomio, ci sono cresciuta. Ci sono entrata a cinque anni. Trent’anni di galera, mi legavano mani e piedi”, dice Pina, che nel 1951 è stata ricoverata all’ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà di Roma.

Negli anni settanta in Italia c’erano 98 ospedali psichiatrici che ospitavano circa 89mila internati. Il 13 maggio 1978 la legge 180, nota come legge Basaglia, ha decretato la chiusura dei manicomi e ha stabilito che le persone con disturbi mentali hanno uguale diritto di cittadinanza.

È stata la prima legge al mondo ad abolire gli ospedali psichiatrici, ma per chiudere definitivamente queste strutture in Italia ci sono voluti altri vent’anni. Nel 1994 Roma è diventata la prima capitale europea a non avere un manicomio.

Le autrici Maria Gabriella Lanza e Daniela Sala hanno realizzato con la supervisione di Laura Silvia Battaglia il webdoc Matti per sempre, finalista del premio Roberto Morrione per il giornalismo investigativo.

Leggi anche:

La rivoluzione di Franco Basaglia nella lettera di una volontaria
La più importante rivoluzione italiana

Abbonati per ricevere Internazionale
ogni settimana a casa tua.

Abbonati
pubblicità