Un impianto di estrazione del petrolio della KazMunayGas exploration production JSC nel sud del Kazakistan, il 21 gennaio del 2016.
  • 16 Feb 2016 17.10

Perché l’accordo sul petrolio non farà aumentare il prezzo del greggio

16 febbraio 2016 17:10

L’accordo stipulato tra Arabia Saudita e Russia per il congelamento della produzione di petrolio ai livelli di gennaio avrà un impatto limitato sul prezzo del greggio, crollato negli ultimi mesi a causa dell’eccesso di offerta sul mercato internazionale. Gli esperti intervistati dalla France-Presse sostengono che solo una significativa riduzione della produzione di petrolio potrebbe invertire la rotta e rassicurare l’economia mondiale.

I due più grandi produttori di greggio, insieme al Qatar e al Venezuela, hanno accettato di congelare i loro livelli di produzione di petrolio a quelli di gennaio nella speranza di “stabilizzare il mercato del petrolio”, mentre l’oro nero ha perso fino al 70 per cento del suo valore dalla metà del 2014, scendendo a circa 30 dollari al barile.

È improbabile, tuttavia, che questo accordo possa portare a un aumento significativo dei prezzi, secondo diversi esperti intervistati dalla France-Presse. “Per aumentare i prezzi, i mercati non hanno bisogno del congelamento della produzione, ma di una sua riduzione significativa”, ha detto Francis Perrin, presidente dell’organizzazione Strategie e politiche energetiche.

Anche se i prezzi del greggio hanno immediatamente reagito all’annuncio con un aumento tra i 40 e i 50 centesimi dei principali indici del petrolio, “a lungo termine in realtà la situazione non cambierà, avremo sempre questo eccesso di offerta”, afferma Christopher Dembik, analista di Saxo Bank.

Questo congelamento della produzione in realtà non cambierà nulla

“Dopo che tutti i paesi produttori per un anno hanno pompato petrolio come in una gara per conquistare quote di mercato, questo congelamento della produzione in realtà non cambierà nulla, perché nessuno dei quattro paesi coinvolti nell’accordo avrebbe dovuto aumentare in maniera sostanziale la produzione”, aggiunge Jean-Marie Chevalier, professore dell’università di Paris-Dauphine.

Si tratta di un annuncio “simbolico”, secondo Perrin, ma probabilmente anticipa mosse più importanti che potrebbero essere prese nei prossimi mesi, infatti i ministri dei paesi membri dell’Opec si riuniranno a giugno e potrebbero prendere decisioni che avranno un impatto reale sul mercato.

Il ministro del petrolio saudita Ali al Nuaimi ha detto che questo è solo l’inizio di un processo e che potrebbero essere previste altre misure se necessario, mentre l’Opec ha stimato che nel 2015 sono stati prodotti due milioni di barili al giorno in eccesso.

“Speriamo che questo crei una dinamica positiva anche in altri paesi produttori, sia membri dell’Opec sia non membri”, suggerisce Perrin. Alcuni di questi paesi, come l’Algeria, la Nigeria, l’Angola sono stati danneggiati dai prezzi bassi del petrolio che pesano sui loro bilanci.

Un accordo dei paesi dell’Opec sulla riduzione della produzione gioverebbe anche agli Stati Uniti, che sono diventati gli arbitri del mercato del petrolio grazie al boom del gas di scisto. “Sarebbe una boccata d’aria fresca, non solo per l’industria del petrolio, ma per molte banche statunitensi che hanno prestato fondi al settore petrolifero”, ha detto Dembik.

L’Iraq e l’Iran negli ultimi mesi hanno mostrato la loro determinazione ad aumentare la produzione di petrolio

L’economia globale beneficerebbe di un accordo sulla produzione “ben al di là delle materie prime”, i cui prezzi sono crollati sulla scia dei prezzi del petrolio, in particolare in Europa, dove “c’è preoccupazione per il rischio di deflazione”.

Ma “se la dinamica è quella di congelare la produzione di altri paesi, non ci saranno molti progressi”, ha commentato Francis Perrin. Tanto più che gli altri produttori, tra cui l’Iraq e l’Iran, negli ultimi mesi hanno mostrato la loro determinazione ad aumentare la produzione.

Per questo il ministro venezuelano dell’energia Eulogio del Pino domani incontrerà a Teheran i ministri dell’energia di Iran e Iraq. Riuscirà a convincerli a unirsi ai quattro paesi che hanno sottoscritto l’accordo? “Dubito che questa sia la volontà dell’Iran”, afferma Christopher Dembik, dal momento che il paese, rivale del regno saudita, vuole esportare il suo petrolio perché le sanzioni internazionali sono appena state ritirate.

“I sauditi hanno aumentato la loro produzione, e ora che gli iraniani vogliono aumentare la loro, i sauditi annunciano il congelamento della produzione. Il duello in corso tra i due paesi è molto chiaro”, ha detto Pierre Terzian, direttore di Petrostrategies.

(Traduzione di Annalisa Camilli)

pubblicità

Da non perdere

Il programma del festival di Internazionale a Ferrara
In cerca della sinistra. La nuova copertina di Internazionale
Gli ambigui silenzi del presidente congolese Joseph Kabila

In primo piano