Migranti a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, dopo essere stati soccorsi in mare al largo delle coste libiche, il 30 dicembre 2016.
  • 26 Gen 2017 16.46

Il nuovo piano dell’Unione europea sull’immigrazione

26 gennaio 2017 16:46

Il 26 gennaio si è aperto a Malta il vertice dei ministri dell’interno dell’Unione europea sull’immigrazione, in preparazione del summit che si svolgerà sempre alla Valletta il 3 febbraio proprio su questo tema. Il presidente della Commissione europea, insieme al commissario all’interno e all’immigrazione Dimitri Avramopoulos e alla rappresentante per la politica estera dell’Unione europea Federica Mogherini, hanno anticipato il piano che sarà proposto dalla Commissione europea ai capi di stato e di governo la prossima settimana.

L’obiettivo del nuovo piano è l’interruzione del flusso dei migranti dalla Libia all’Europa. Uno dei punti centrali della proposta è il finanziamento della guardia costiera libica, addestrata durante l’operazione Sophia, a cui verrà chiesto di creare una cosiddetta “linea di protezione” per impedire alle imbarcazioni dirette in Europa di partire dalle coste libiche. Questo piano integra l’Agenda europea sull’immigrazione del 2015 e il Migration compact del 2016. Ecco quali sono i punti principali.

  • Il programma prevede lo stanziamento di 200 milioni di euro per bloccare l’arrivo di migranti dalla Libia e dal Nordafrica verso l’Italia e aumentare la sorveglianza delle frontiere. Questi fondi saranno presi dal fondo europeo per l’Africa.
  • In particolare sarà finanziato l’addestramento della guardia costiera libica, già avviato nel 2016 con l’operazione Sophia, che avrà il compito di pattugliare le coste e fermare la partenza delle imbarcazioni dalla Libia. Alla guardia costiera libica saranno forniti anche i mezzi per pattugliare le coste e i fondi per la manutenzione di questi mezzi.
  • L’obiettivo è quello di affidare alla guardia costiera libica le operazioni nelle acque libiche nelle quali i mezzi navali europei non hanno il permesso di entrare.
  • Entro la primavera del 2017 sarà lanciato il Seahorse Mediterranean network, un centro di coordinamento per il controllo delle frontiere a cui parteciperanno Cipro, Francia, Grecia, Italia, Portogallo e Spagna. Algeria, Egitto e Tunisia potrebbero dare il loro sostegno. L’Europol, l’Interpol, Eunavformed e Frontex avranno un ruolo centrale in questo coordinamento.
  • Il piano prevede di sostenere l’ingresso in Libia – e in particolare nei centri di detenzione dei migranti – di organizzazioni umanitarie come l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim).
  • Inoltre si punta a sostenere i programmi di rimpatrio volontario nei paesi di origine gestiti dall’Oim e di sostenere questi programmi di rimpatrio volontario anche dalla Libia con dei finanziamenti per i migranti che decidono di tornare indietro.
  • Sarà finanziato il pattugliamento delle frontiere meridionali delle Libia da parte delle autorità libiche.
  • Saranno promossi accordi con i paesi confinanti con la Libia, in particolare il Niger, per controllare le frontiere.
pubblicità

Da non perdere

La nuova copertina di Internazionale
Perché le ong che salvano vite nel Mediterraneo sono sotto attacco
Storia del concentrato di pomodoro prodotto in Cina

In primo piano