Gig economy

Nella lingua usata dalla gig economy spariscono i dipendenti

Le startup della cosiddetta gig economy (un modello economico basato su prestazioni lavorative temporanee) sono molto criticate per il modo in cui trattano i loro lavoratori. Aziende come Uber e Postmates sostengono che i loro collaboratori sono lavoratori autonomi o appaltatori indipendenti più che dei dipendenti a tempo pieno. A questa flessibilità si affianca la mancanza di servizi e sicurezza sul lavoro che i lavoratori si aspettano dalle aziende. Leggi

Il centro di Parigi perde abitanti e la città dà la colpa ad Airbnb

Tra il 2009 e il 2014 il numero di persone che vivevano nel primo arrondissement di Parigi, il piccolo quartiere turistico dove si trova il Louvre, è sceso del cinque per cento. Nello stesso periodo anche in altri tre quartieri nel cuore della città c’è stato un calo della popolazione. Leggi

pubblicità
Airbnb non è più l’amico della classe media

Scott Shatford non avrebbe mai immaginato di dover fare i conti con un processo penale. Ha ricevuto l’avviso a maggio, più di un anno dopo che la città in cui viveva, Santa Monica, in California, aveva deciso di vietare gli affitti a breve termine che stavano invadendo la località balneare. Leggi

Il prezzo delle consegne a domicilio lo pagano i fattorini

Lo sciopero dei fattorini della Foodora, società che gestisce ordini e consegne di pasti a domicilio, ha mostrato all’Italia il risvolto amaro dietro la comodità del consumo on demand. L’azienda ha recentemente deciso di eliminare per i nuovi assunti la remunerazione fissa basata sul numero di ore lavorate e mantenere solo la parte variabile, legata alle consegne. Così funziona la gig economy, di cui la Foodora fa parte: a chiamata si consuma la cena e a chiamata si sfruttano i lavoratori. Leggi

Negli Stati Uniti Uber nasconde un problema più grave per l’economia

La “Uber economy è relativamente piccola ma riceve molta attenzione. Si calcola che negli Stati Uniti gli autisti di Uber e i lavoratori della cosiddetta gig economy, un modello economico basato su prestazioni lavorative temporanee, rappresentino solo lo 0,5 per cento della forza lavoro. Leggi

pubblicità