Il concerto dell’orchestra Senzaspine in piazza Municipale a Ferrara, il 2 ottobre 2016. (Francesco Alesi)

Musica per i diritti umani

Il concerto dell’orchestra Senzaspine in piazza Municipale a Ferrara, il 2 ottobre 2016. (Francesco Alesi)
17 settembre 2019 17:28

La musica può servire a trasmettere e a condividere i valori della Dichiarazione universale dei diritti umani. È questa la missione che ispira la rete Musicians for human rights (Mfhr), fondata nel 2009 dal cornista italiano Alessio Allegrini insieme a musicisti di quattro continenti, impegnata a promuovere la cultura dei diritti umani e dell’impegno sociale.

A Ferrara la Human rights band, un ensemble di una decina di musicisti di vari paesi che propone un programma di world music, si esibirà sabato 5 ottobre in un racconto musicale per bambini, Nel fantastico mondo di Zefironia, con l’attrice Orsetta De Rossi, e in un concerto in piazza Municipale il 6 ottobre. Gli eventi sono organizzati in collaborazione con la fondazione Pianoterra. Il direttore esecutivo di Mfhr, Julian Fifer, parteciperà anche a un incontro su arte e giustizia sociale il 5 ottobre al Ridotto del teatro Comunale con la cantante Saba Anglana e lo storico Alessandro Portelli.

Sabato sera alle 22 in piazza Municipale l’appuntamento sarà invece con il rock ispirato agli anni novanta del cantautore italiano Diodato, che terrà un concerto per Medici senza frontiere.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La macchina del consenso di Erdoğan
Annalisa Camilli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.