Sempre lontano

20 agosto 2019 14:00

Nel libro L’inventore dei cantautori, una documentatissima, straripante storia orale della vita di Nanni Ricordi, c’è molto Luigi Tenco, dai suoi inizi come session man e cantante rock fino al suicidio a Sanremo nel 1967. Il più prestigioso premio italiano per la canzone d’autore è intitolato a lui, ed è giusto perché in pochi anni di carriera Tenco scrisse e registrò alcuni dei pezzi più perfetti della nostra musica pop. La #canzonedelgiorno apre il suo terzo album, del 1966. Ascoltarla è sempre una grande emozione, anche se è davvero tristissima.


Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Dall’altra parte del mare, cosa spinge i tunisini a partire
Annalisa Camilli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.