Inquinamento Secondo un rapporto dell’Agenzia europea dell’ambiente (Eea), l’inquinamento è responsabile di più del 10 per cento delle diagnosi di cancro in Europa. I rischi sono legati soprattutto allo smog, al fumo passivo, ai raggi ultravioletti e al radon nelle case, ma anche a vari prodotti chimici, tra cui il piombo, l’arsenico, il cromo e il cadmio, oltre a composti come i pesticidi. L’amianto, vietato dal 2005, continua a essere all’origine di molti casi di cancro. I governi dovrebbero intervenire per ridurre i fattori di rischio, scrive l’Eea, non solo all’aperto ma anche nei luoghi di lavoro, che spesso non sono sicuri. Ogni anno nell’Unione europea circa 2,7 milioni di persone si ammalano di cancro, mentre le vittime sono 1,3 milioni. Nella foto: Pristina, Kosovo, 30 gennaio 2018

Caldo Un’ondata di caldo ha colpito gran parte del Giappone. Nella città di Isesaki è stata registrata una temperatura di 40,2 gradi, la più alta di sempre nel paese per il mese di giugno. Il governo ha chiesto alla popolazione di ridurre i consumi di elettricità.

Imelda Medina, Reuters/Contrasto

Incendi Gli incendi che si sono sviluppati nella provincia di Sétif, nel nordest dell’Algeria, hanno causato due morti e quattordici feriti. ◆ Un rogo ha distrutto 2.600 ettari di vegetazione a Cipro Nord.

Tornado Una persona è morta e nove sono rimaste ferite nel passaggio di una tromba d’aria su Zierikzee, nel sudovest dei Paesi Bassi. Alcune case sono state danneggiate.

Alluvioni Almeno cinque persone, tra cui quattro bambini, sono morte nelle alluvioni causate dalle forti piogge che hanno colpito Abidjan, in Costa d’Avorio.

Epidemie Dall’inizio dell’anno almeno 27 persone sono morte in Iraq dopo essere state contagiate dalla febbre emorragica Crimea-Congo. I casi di contagio sono stati 162. La malattia può essere trasmessa direttamente dalle zecche o indirettamente da bestiame infetto.

Mare Le carcasse di 65 tartarughe (in maggioranza della specie tartaruga bastarda olivacea) e di quattordici delfini sono state trovate lungo la costa pacifica del Guatemala. Il governo ha aperto un’inchiesta per un possibile sversamento di sostanze tossiche in mare.

Elefanti Duecentocinquanta elefanti saranno trasferiti a luglio nel parco nazionale Kasungu, nel centro del Malawi, dove la specie è quasi scomparsa a causa del bracconaggio. Negli ultimi cinquant’anni la popolazione nel parco è passata da 1.200 esemplari a 120. Gli elefanti saranno prelevati dal parco nazionale Liwonde, dove c’è grande abbondanza.

Questo articolo è uscito sul numero 1467 di Internazionale, a pagina 112. Compra questo numero | Abbonati