Scontri nello Yemen, raid aereo contro il palazzo presidenziale di Aden

Nella città portuale del sud del paese sono in corso i combattimenti tra tra le truppe fedeli al presidente Abd Rabbo Mansur Hadi e le forze che sostengono gli houthi e l’ex presidente Ali Abdullah Saleh

Il presidente dello Yemen accusa l’ex regime di tentato colpo di stato 

19 marzo 2015 20:23

Il presidente dello Yemen, Abd Rabbo Mansur Hadi, ha definito l’attacco aereo al palazzo presidenziale della città di Aden come un tentativo di colpo di stato promosso “dall’ex regime”. Nel suo comunicato, Hadi non ha fatto riferimento direttamente all’ex capo di stato Ali Abdullah Saleh, ma ha parlato di “agenti dell’Iran” che sostengono il regime precedente.

Il raid aereo è stato condotto mentre nell’aeroporto internazionale di Aden si intensificavano i combattimenti tra le truppe fedeli ad Hadi e le forze legate ai ribelli sciiti houthi, che controllano la capitale Sanaa e sono alleati dell’ex presidente Saleh. “Quello che è successo oggi è un chiaro messaggio al mondo intero che i sostenitori del colpo di stato rifiutano qualunque soluzione e non vogliono sedersi al tavolo dei negoziati per fare uscire lo Yemen dalla crisi”, ha detto Hadi nel suo comunicato. Fonti vicine ad Hadi hanno detto che il presidente, che è stato allontanato dal palazzo in seguito all’attacco, si trova “in un luogo sicuro”. Reuters

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La musica di Clap! Clap! per i Sassi di Matera
Giovanni Ansaldo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.