Il Partito democratico ha vinto le elezioni in cinque regioni su sette

Il partito del premier Matteo Renzi ha mantenuto con difficoltà l’Umbria e ha conquistato la Campania. Il forzista Giovanni Toti ha vinto in Liguria e il leghista Luca Zaia ha mantenuto il Veneto. L’affluenza si è fermata al 52,2 per cento

I risultati definitivi delle elezioni regionali in Italia

02 giugno 2015 10:59

Si è concluso lo scrutinio dei voti delle elezioni regionali in Italia. Il centrosinistra, guidato dal Partito democratico, ha vinto in Toscana, Marche, Umbria, Puglia e Campania. Il centrodestra ha vinto in Liguria. In Veneto è stato riconfermato il presidente della Lega nord. Buono il risultato del Movimento 5 stelle, che è stato il secondo partito più votato in quattro regioni. Ha votato il 53,9 per cento degli aventi diritto, con un calo di quasi dieci punti percentuali rispetto alle consultazioni regionali del 2010. Ecco i risultati regione per regione.

Toscana
Enrico Rossi del Pd è stato rieletto con il 48 per cento delle preferenze. Il secondo classificato, Claudio Borghi, sostenuto da Lega e Fratelli d’Italia, si è fermato al 20 per cento. Giacomo Giannelli del Movimento 5 stelle ha di poco superato il 15 per cento, mentre Stefano Mugnai, candidato di Forza Italia che in Toscana non era alleata con il partito di Matteo Salvini, ha incassato il 9 per cento dei voti.

Marche

Luca Ceriscioli, candidato del centrosinistra, ha vinto con il 41 per cento dei voti su Giovanni Maggi del Movimento 5 stelle, fermo al 21,8 per cento. La forza di Beppe Grillo è stata la seconda più votata, dopo il Pd che, senza gli alleati e le liste civiche, ha sfiorato il 35 per cento. Fermo al 19 per cento Francesco Acquaioli, aspirante governatore sostenuto dalla Lega e Fratelli d’Italia, mentre Gian Mario Spacca che correva per Forza Italia ha ottenuto il 14 per cento.

Umbria

Catiuscia Marini del Pd ha superato con il 42,7 per cento dei consensi l’avversario Claudio Ricci, sostenuto da tutto il centrodestra, che si è fermato al 39,2 per cento. Anche qui, se si considerano i soli partiti e non le coalizioni, il Movimento 5 stelle è il secondo più votato con il 14,3 per cento dei voti raccolto da Andrea Liberati.

Puglia

Per sostituire Nichi Vendola, i pugliesi hanno scelto l’ex sindaco di Bari Michele Emiliano, del Pd, che vince con il 47 per cento dei consensi. Le liti tra l’ex governatore Salvatore Fitto e l’ex premier Silvio Berlusconi hanno spaccato la destra locale. Ne ha giovato il Movimento 5 stelle, che è arrivato secondo con il 18,4 per cento dei voti ottenuto da Antonella Laricchia.

Campania
Vincenzo De Luca, segnalato fra gli “impresentabili” dalla commissione Antimafia, è riuscito a riportare a sinistra la regione, conquistando il 41,1 per cento dei voti, contro il 38,3 per cento del governatore uscente Stefano Caldoro. Su De Luca pende la decisione del prefetto di Napoli che, sulla base della legge Severino, deve valutare la situazione in cui si trova il nuovo presidente, condannato in primo grado per abuso d’ufficio.

Veneto
Luca Zaia continuerà a governare la regione per i prossimi cinque anni, dopo aver superato il 50 per cento dei consensi, nonostante la scissione interna alla Lega. Il sindaco di Treviso Flavio Tosi, che si è presentato solo in polemica con il leader del partito Matteo Salvini, ha raccolto l’11,8 per cento dei voti. La candidata del centrosinistra Alessandra Moretti si è fermata al 22,7 per cento.

Liguria

Ha vinto Giovanni Toti, sostenuto da un centrodestra unito, con l’alleanza tra Forza Italia e Lega. Toti ha ottenuto il 34,4 per cento dei consensi, di cui oltre il 20 per cento arriva dalla Lega. Le divisioni interne sono costate molto al centrosinistra in Liguria. Raffaella Paita, sostenuta dalla maggioranza del Pd dopo aver vinto le primarie, si è fermata al 27,8 per cento dei consensi. Luca Pastorino, candidato dell’area a sinistra del Pd e della minoranza interna al partito di Matteo Renzi, ha incassato il 9,4 per cento di voti. Il Movimento 5 stelle ha preso il 22,3 per cento dei voti ed è il secondo partito più votato della regione.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il lungo sogno di De Chirico
Daniele Cassandro
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.