Chiesti 18 mesi di carcere per gli informatori dell’inchiesta Luxleaks.

10 maggio 2016 17:43

Chiesti 18 mesi di carcere per gli informatori dell’inchiesta Luxleaks. I due francesi Antoine Deltour e Raphaël Halet, ex dipendenti della società di consulenza PricewaterhouseCoopers, sono accusati di aver consegnato alla stampa i documenti all’origine dell’inchiesta sugli accordi fiscali segreti tra il Lussemburgo e diverse multinazionali, fra le quali Apple, Amazon, Heinz, Pepsi, Ikea e Deutsche Bank, tra il 2002 e il 2010. Il giornalista che ha pubblicato l’inchiesta, Edouard Perrin, rischia una multa. La sentenza è attesa per giugno.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il potere di Barzani nel nuovo governo curdo iracheno
Zuhair al Jezairy
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.