03 ottobre 2016 14:51

Almeno 58 morti nella calca a una protesta in Etiopia. È successo nella regione di Oromia, dopo che la polizia ha lanciato gas lacrimogeni e ha sparato colpi d’avvertimento per disperdere una protesta contro il governo. Il governo ha parlato di 52 morti, ma secondo l’opposizione le vittime sono di più. Le autorità hanno indetto tre giorni di lutto nazionale a partire dal 3 ottobre. Migliaia di persone si erano radunate per una festa religiosa a Bishoftu, a 40 chilometri dalla capitale Addis Abeba, quando sono cominciate le proteste. Da mesi in Etiopia, in particolare nelle regioni di Oromia e Amhara, ci sono scontri con le forze dell’ordine.