26 marzo 2020 15:06

Il bilancio dell’epidemia di coronavirus nel mondo è salito a 487.648 contagi e 22.030 vittime.

Fondo monetario internazionale-Banca mondiale
Il 25 marzo il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale hanno chiesto ai creditori di sospendere le rate del debito dei paesi poveri, in modo che possano dedicare maggiori risorse alla lotta all’epidemia.

Russia
Il 25 marzo il presidente Vladimir Putin ha proclamato la sospensione delle attività lavorative per una settimana, a partire dal 30 marzo, per cercare di contenere la diffusione del Covid-19 nel paese. Putin ha poi rinviato il referendum costituzionale previsto per il 22 aprile. Finora nel paese ci sono stati 840 contagi e tre morti.

Germania
I deputati tedeschi hanno approvato il 25 marzo un piano da 1.100 miliardi di euro per limitare le conseguenze economiche dell’epidemia. In particolare, è previsto un fondo di emergenza per le grandi imprese dotato di 600 miliardi di euro. Le misure dovranno essere approvate anche dalla camera alta del parlamento, il 27 marzo. Finora nel paese ci sono stati 39.502 contagi e 222 morti.

Spagna
Nelle ultime ventiquattr’ore sono state registrate 655 vittime, che portano il totale a 4.088. I contagi dall’inizio dell’epidemia sono stati 56.188. Il paese è il più colpito in Europa dopo l’Italia.

Grecia
Il 26 marzo alcune cittadine a maggioranza musulmana nella regione della Macedonia Orientale e Tracia, nel nordest del paese, sono state messe in isolamento dopo aver registrato un netto aumento dei contagi. Finora nel paese ci sono stati 821 contagi e 23 morti.

Turchia
Il 25 marzo il governo ha annunciato l’arresto di 410 persone accusate di aver diffuso notizie false sull’epidemia su internet. Nei giorni scorsi il governo aveva ordinato il confinamento delle persone anziane e la chiusura delle scuole per contenere l’epidemia. Finora nel paese ci sono stati 2.433 contagi e 59 morti.

Palestina
Il 25 marzo in Cisgiordania è stata registrata la prima vittima del nuovo coronavirus. Si tratta di una donna di circa 60 anni. Finora tra Cisgiordania e Striscia di Gaza ci sono stati 84 contagi.

Giappone
La governatrice di Tokyo Yuriko Koike ha invitato il 25 marzo gli abitanti a non andare in gita fuori città nel fine settimana, dopo che nelle ultime ventiquattr’ore nella capitale sono stati registrati 41 nuovi casi. Finora nel paese ci sono stati 1.307 contagi e 45 morti.

Filippine
Il 26 marzo il consiglio nazionale dell’ordine dei medici ha chiesto maggiori protezioni per il personale sanitario impiegato nell’emergenza, dopo la morte di nove medici per il Covid-19. Finora nel paese ci sono stati 707 contagi e 45 morti.

Stati Uniti
Il paese ha superato il 25 marzo le mille vittime, arrivando a 1.031. La città più colpita è New York, con 280 morti. Gli Stati Uniti sono il paese con più contagi ufficiali (69.197) dopo la Cina e l’Italia. Nel frattempo, più di tre milioni di persone hanno chiesto il sussidio di disoccupazione la settimana scorsa a causa dell’epidemia.

Cile
Il 25 marzo il governo ha proclamato il confinamento della popolazione, per almeno una settimana, nella capitale Santiago. Inoltre, la chiusura delle scuole è stata prorogata fino al 30 aprile. Finora nel paese ci sono stati 1.142 contagi e tre morti.

Etiopia
Il ministro della giustizia Adanech Abebe ha annunciato il 25 marzo la liberazione di quattromila detenuti. L’obiettivo è contenere la diffusione del virus nelle prigioni del paese, in particolare quelle sovraffollate. La misura riguarda i detenuti con meno di un anno di pena da scontare. Finora nel paese ci sono stati dodici contagi, senza vittime.

Zimbabwe
Il 25 marzo migliaia di infermieri sono entrati in sciopero per denunciare la mancanza dei dispositivi di protezione, tra cui guanti e mascherine, necessari per accogliere i pazienti. Anche i medici dell’ospedale di Harare hanno minacciato di scioperare. Finora nel paese ci sono stati tre contagi e una vittima.