19 maggio 2011 00:00

Le allergie possono far aumentare il rischio di depressione?

Pur non essendoci prove certe, ampi studi sembrano dimostrare che le persone allergiche sono più a rischio di depressione. Le allergie forti possono indurre sonnolenza, mal di testa, spossatezza e un generale senso di esaurimento, tutti elementi che incidono sull’umore. Le reazioni allergiche provocano la produzione di citochine, capaci di ridurre i livelli di serotonina, l’ormone che contribuisce alla sensazione di benessere. Inoltre, alcuni farmaci antiallergici, come i corticosteroidi, possono indurre ansia e sbalzi d’umore.

Da molti studi è emerso che il rischio di depressione nei soggetti allergici è circa il doppio rispetto a chi non lo è. Nel 2008 i ricercatori dell’università del Maryland hanno suggerito che il legame potrebbe contribuire a spiegare l’aumento dei suicidi in primavera: analizzando le cartelle cliniche, si è visto che in alcuni pazienti i cambiamenti dei sintomi dell’allergia coincidevano con quelli dell’entità della depressione. Altri studi condotti in Finlandia nel 2000 e nel 2003 hanno trovato un legame tra allergie e depressione.

Conclusioni Le forti allergie stagionali possono essere un fattore di rischio per la depressione.

Internazionale, numero 898, 20 maggio 2011