Credibili

07 giugno 2018 15:54

Parlando all’università di Harvard, la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie ha invitato gli studenti a sviluppare un loro rivelatore di stronzate, bullshit detector: “Siate abbastanza coraggiosi da riconoscere cosa ostacola la verità: l’intelligenza fine a se stessa, l’ironia senza nessun principio morale, il desiderio di compiacere, l’offuscamento deliberato”.

John Petrocelli insegna psicologia alla Wake Forest university, nel North Carolina, e ha pubblicato uno studio sul Journal of Experimental Social Psychology intitolato “Antecedents of bullshitting”. Lo studio cerca di capire in quali condizioni le persone si sentono autorizzate o incoraggiate a dire stronzate. Che non significa per forza dire bugie: chi mente nasconde la verità, spiega su Quartz Lila MacLellan, mentre chi dice stronzate non necessariamente sa qual è la verità e può capitare che stia solo ripetendo cose “che ha sentito dire in giro o idee presentate da persone che sembrano credibili”.

Petrocelli ha fatto un esperimento con 594 persone a cui ha chiesto di leggere un articolo su un certo “Jim”, che si è candidato al consiglio comunale e poi si è ritirato, e di proporre cinque possibili spiegazioni di questa decisione. Alcuni dei partecipanti sono stati forzati a esprimere un’opinione. Ad altri è stato detto che le risposte sarebbero state valutate da persone che conoscevano Jim. Ad altri ancora sono state date più informazioni sullo stesso Jim. Le persone che hanno detto più sciocchezze sono state quelle spinte a esprimere un’opinione e convinte che le risposte sarebbero state lette da persone non informate dei fatti.

Come nota Petrocelli, altre ricerche hanno dimostrato che il dire stronzate è socialmente più accettato del mentire. Forse perché a volte chi dice stronzate lo fa per favorire il senso di appartenenza di un gruppo intorno a un’idea. E poco importa se quest’idea è basata su fatti non veri.

Questa rubrica è uscita l’8 giugno 2018 nel numero 1259 di Internazionale, a pagina 9. Compra questo numero| Abbonati

pubblicità

Articolo successivo

Tifare Italia ai Mondiali