Campi da golf

09 giugno 2011 00:00

Gli irrigatori umidificano il vasto terreno. L’erba è tagliata così corta da sembrare artificiale e i golf cart pieni di palline tirati a lucido sembrano usciti da un cartone animato. È tutto così perfetto che fanno male gli occhi. I nuovi campi da golf che cominciano a spuntare sull’isola suscitano lo stupore dei cubani, che conoscono meglio di chiunque altro il degrado e l’improvvisazione nel resto del paese.

La costruzione dei campi è stata accompagnata da molte discussioni sottovoce sull’opportunità di erigere degli spazi di lusso per i turisti durante la crisi economica. Ma l’ultima parola l’ha avuta il sesto congresso del Partito comunista cubano, stabilendo che i campi erano necessari per attirare visitatori dalle tasche più gonfie.

Anche se sono belle, queste distese verdi sollevano dubbi, e non certezze. La nostra diffidenza non è dovuta né a un rifiuto del golf né all’attaccamento al baseball, il passatempo nazionale. L’incertezza dipende dal fatto che questi luoghi di ricreazione paradisiaci sorgeranno in un paese segnato dall’inefficienza produttiva, dall’improvvisazione a tutti i livelli e dalla mancanza di qualità nella maggior parte dei servizi.

Con i loro green perfetti e una costante pioggia nebulizzata, i campi da golf aumenteranno il contrasto tra la Cuba turistica e quella reale, tra le persone che lanciano le palline bianchissime e quelli che possono solo stare a guardare dall’altra parte della recinzione.

*Traduzione di Sara Bani.

Internazionale, numero 901, 10 giugno 2011*

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Siamo pronti ad affrontare le nuove epidemie?
Michael Le Page
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.