26 agosto 2020 16:56

Avvertenza. Il linguaggio di questa rubrica è diretto ed esplicito.

Sono un maschio cis di quasi trent’anni. Ultimamente sono ossessionato da una fantasia molto specifica che temo sia impraticabile, timore aggravato da vari tentativi falliti di realizzarla. Un po’ di contesto: esclusi un paio di incontri e relativo petting con uomini, ho sempre avuto rapporti sessuali con donne. Mi è capitato di invaghirmi di maschi, e spesso ho pensato di essere bisessuale o pansessuale, anche se non mi sono mai masturbato pensando a uomini o guardando porno gay (non preoccuparti, Dan: non sto per chiederti se sono gay. Giuro). In generale ho una vita sessuale fortunata. Non sono mai stato lasciato e ricevo pochi rifiuti. Ma all’inizio del 2020 mi è scomparsa la libido. Ho smesso di masturbarmi e ho avuto giusto uno o due orgasmi al mese quando la mia ex insisteva per fare sesso. Poi però, un paio di settimane fa, ho cominciato a immaginarmi in una coppia gay innamorata, che al posto della penetrazione mm fa solo sesso mmf. Con questo partner, la mia vita sessuale consisterebbe nell’uscire a cercare donne sottomesse per rapporti a tre. Da allora mi masturbo pensandoci ogni giorno e mi eccita la possibilità di scoprire un nuovo stile di vita che possa rendermi davvero felice. Ma mi è anche venuta la paura che poi nient’altro possa eccitarmi altrettanto. E temo anche che ogni minima variazione a questa fantasia la possa rovinare. Non solo, per realizzarla mi servirebbe un uomo che sia almeno tutte queste cose:

  1. Sensibile, generoso, rilassato e una brava persona da ogni punto di vista.
  2. Fisicamente molto attraente.
  3. Amante delle coccole, affettuoso, interessato al petting, ogni tanto a seghe e pompini, ma assolutamente non alla penetrazione o a qualsiasi attività anale.
  4. Interessato a rimorchiare donne sottomesse con cui fare sesso a tre.
  5. Interessato a penetrarle.
  6. Interessato a sfogare le nostre fantasie su queste donne attraverso giochi di ruolo d/s.
  7. Disposto a concedere a me il ruolo dominante.

Veniamo alle domande: secondo te una persona del genere esiste? La fantasia che descrivo ha un nome? Esiste una comunità che la pratica? Somiglia a qualche altro feticismo esistente e accessibile? La scomparsa della mia libido e questa specifica fantasia dicono di me qualcosa di così lampante da non riuscire a vederlo?

– Can Anyone Tell Me Anything Now

Partiamo dalla cosa più importante, CATMAN: le fantasie sessuali non si “sfogano” sugli altri: si condividono per goderne insieme. Quello “sfogare” forse è stato un lapsus, un’anteprima precoce del linguaggio che useresti a letto; chi ama i giochi d/s spesso si eccita a parlare delle sue fantasie – sesso non protetto, tortura del solletico o delle palle e del cazzo – come se fossero cose che un dominatore sadico può realmente fare a un sottomesso inerme. Quella è la fantasia, CATMAN, ma nella realtà dominatore e sottomesso prima discutono dei loro desideri, cercando di capire dove si sovrappongono, e stabiliscono dei limiti (non solo i passivi: anche gli attivi hanno dei limiti). Per quanto a un esterno trattative del genere possano sembrare brutali, o addirittura umilianti, questi giochi di ruolo sono consensuali e piacevoli per entrambi, e se non lo sono, CATMAN, allora non si tratta di giochi di ruolo. È violenza sessuale.

Ripeto, forse il tuo è stato un lapsus e la mia una reazione un po’ stronza; in effetti hai specificato di voler trovare donne sottomesse, CATMAN, e immagino significhi che intendi cercare donne desiderose di essere “usate e violate” da due bisessuali innamorati. E sei fortunato: di donne a cui una situazione del genere può piacere ne esistono – qualche lettrice si sarà bagnata, leggendo la tua lettera – ma difficilmente riuscirai a conoscerle andando in giro la sera. Insomma non devi pensare di rimorchiarle in giro, CATMAN, ma piuttosto di coltivare rapporti online, o agli eventi bdsm, con donne sottomesse a cui potrebbe piacere concedersi a te e al tuo amico immaginario.

Trovare un uomo che soddisfi il tuo lungo elenco di requisiti è compito più arduo. Sinceramente non mi pare che tu stia cercando un compagno, ovvero una persona di cui soddisfare i bisogni, ma un uomo da inserire nelle tue fantasie masturbatorie. Dev’essere bisessuale ma non usare il culo, dev’essere una brava persona, attraente, sottomesso con te e dominante con le donne… e qualsiasi deviazione da quel lungo elenco non solo lo esclude come possibile candidato a ruolo di tuo partner e complice, ma rende ogni voce dell’elenco una condizione irrinunciabile.

Le relazioni richiedono compromessi, CATMAN, nessuno ottiene tutto ciò che vuole, e un lungo elenco di condizioni irrinunciabili rende tutto più difficile. Se non sei disposto a cedere nemmeno su un punto… Allora ti conviene valutare l’acquisto di una (o due) bambole gonfiabili. E ti conviene riflettere non solo sulla lunghezza e la rigidità di quell’elenco di condizioni, ma sul perché sia così lungo e rigido da rendere improbabile – come tu stesso sospetti – trovare qualcuno.

pubblicità

Allargando l’inquadratura…

Dici che all’inizio del 2020 la tua libido è affondata, CATMAN, e ci sono studi che dimostrano che non sei il solo. Le pandemie gemelle – covid-19 e stupidità – hanno affondato la libido di tanti. Se al momento per te questa fantasia funziona, io credo che dovresti abbracciarla. Sarà anche un compito arduo, o così irrealistico da diventare impossibile, ma è proprio coltivare questa fantasia che ti ha socchiuso la libido, e continuare a masturbartici potrebbe spalancarla.

Non amo patologizzare le fantasie sessuali o attribuire significati a inclinazioni che sono perlopiù arbitrarie, casuali e inspiegabili. Ma più il compito è arduo, CATMAN, più è improbabile riuscire a realizzarlo, può anche darsi che tu non voglia affatto realizzarlo, almeno a livello inconscio, almeno per ora. A volte, quando il sesso ci spaventa, finiamo per ossessionarci con fantasie impossibili da realizzare o partner impossibili da trovare perché questo ci permette di evitare il sesso di coppia. Di certo so che io, al culmine dell’epidemia di hiv/aids, ero ossessionato da un ragazzo che non potevo avere perché questo mi sollevava dal problema. All’epoca, curiosamente, il mio elenco di requisiti era abbastanza breve: doveva essere Tommy. Se non era Tommy, non mi interessava. Tommy era fantastico – meritava l’ossessione appieno – e lo amavo davvero. Ma adesso so che mi gettai in quell’ossessione per proteggermi dal terrore dell’epidemia.

Forse tu stai facendo una cosa simile, CATMAN. Se però sbaglio – se davvero è ciò che vuoi – allora ci sono città con comunità bdsm abbastanza grandi da offrire a una coppia di maschi bisessuali un flusso costante di donne sottomesse disponibili. Se però speri di trovare un uomo simile a quello che vuoi, il tuo elenco di condizioni dovrà accorciarsi. Perché è quello che tocca a tutti, CATMAN.

(Illustrazione di Francesca Ghermandi)

Sono un gay di 39 anni che vive a Chicago. Una mia cara amica si è da poco fidanzata con uno splendido uomo africano del Gambia. Ha deciso di sposarsi lì l’estate prossima, e mi ha invitato. Facendo qualche ricerca ho scoperto che in Gambia essere lgbtq+ è un crimine, punito con la pena capitale. Vado al matrimonio nascondendo per tutto il tempo il mio orientamento sessuale? E in generale cosa pensi dei gay che visitano paesi in cui lo stato uccide i nostri fratelli e sorelle lgbtq+?

– Intensely Nervous Venturing Into This Event

Io non ci andrei, INVITE, e se fossi un eterosessuale non chiederei ai miei amici di rischiare la vita per venire al mio matrimonio. Ho fatto una rapida ricerca, e pur non trovando notizia di gay occidentali giustiziati in Gambia di recente, ci sono però turisti che sono stati arrestati, incarcerati e multati. E quindi l’estate prossima, anziché andare al matrimonio della tua amica – che potrebbe comunque saltare a causa della pandemia – fai una donazione a suo nome all’Initiative sankofa D’Afrique de l’ouest (Isdao), un’associazione che cerca di migliorare la vita e il trattamento giuridico delle persone lgbtq+ in Gambia e altri paesi dell’Africa occidentale.

(Traduzione di Matteo Colombo)

Savage love è una rubrica di consigli sessuali e di coppia pubblicata su The Stranger.