Sommario

781 (6/12 febbraio 2009)

Teheran blues

La crisi economica, il rapporto con gli Stati Uniti, il ruolo in Medio Oriente. A trent’anni dalla rivoluzione islamica, l’Iran è ancora sospeso tra teocrazia e democrazia

781 (6/12 febbraio 2009)

Visti dagli altri

Una sentenza già scritta

Napoli. La giovane rom condannata per il tentato rapimento di una bambina a Ponticelli potrebbe essere innocente. L’inchiesta del corrispondente dall’Italia del quotidiano spagnolo El País

Piccolo kit per le riparazioni

In fatto di riparazioni appartengo alla scuola minimalista. Leggi

pubblicità

Opinioni

L’inerzia come strategia

Opinioni

La prova del nove

In copertina

Teheran blues

Nel 1979 nasceva la Repubblica islamica iraniana, sospesa tra teocrazia e democrazia. Oggi l’Iran è colpito dalla crisi economica e cerca il suo ruolo nel Medio Oriente

pubblicità

Scienza

L’inglese del futuro

L’inglese cambia velocemente. E un giorno anche i britannici lo studieranno come una lingua straniera. Perché il mondo intero lo parla e lo pronuncia in tanti modi diversi

Idee

Tempo di ridere

A vent’anni dal crollo del comunismo c’è chi è rimasto fermo al passato. Come dimostra lo scandalo provocato dall’artista ceco David Cerny

Graphic journalism

Cartoline da Novi Sad

Un fumetto di Aleksandar Zograf

Africa e Medio Oriente

Prova di forza in Madagascar

Opinioni

Pura penuria

pubblicità

Zingari

“Siamo noi a far ricca la terra, noi che sopportiamo la malattia del sonno e la malaria, noi mandiamo al raccolto cotone, riso e grano, e noi piantiamo il mais su tutto l’altopiano. Noi penetriamo foreste, coltiviamo savane, le nostre braccia arrivano ogni giorno più lontane. E siamo noi a far bella la luna con la nostra vita coperta di stracci e di sassi di vetro. Quella vita che gli altri ci respingono indietro come un insulto, come un ragno nella stanza. Riprendiamola in mano, riprendiamola intera, riprendiamoci la vita, la terra, la luna e l’abbondanza. È vero che non ci capiamo, che non parliamo mai in due la stessa lingua. È vero che spesso la strada sembra un inferno o una voce in cui non riusciamo a stare insieme, dove non riconosciamo mai i nostri fratelli. Ma io ho visto anche degli zingari felici corrersi dietro, far l’amore e rotolarsi per terra. Io ho visto anche degli zingari felici in piazza Maggiore, ubriacarsi di luna, di vendetta e di guerra”.–Claudio Lolli, Ho visto anche degli zingari felici, 1976. Leggi

Blog

Niente più pagine bianche

Quando comincia a scrivere un nuovo libro, Steven Johnson raccoglie note, fotografie o appunti vagamente interessanti. Poi organizza tutto con un software ingegnoso

Opinioni

Giovani speranze

Ruanda

La rinascita del Ruanda

Nel paese è ancora forte il ricordo del genocidio, ma sotto la guida del presidente Kagame l’economia si è sviluppata. Il governo punta sulla ripresa per cacciare i fantasmi del passato

Scienza e tecnologia

Il costo del pregiudizio

pubblicità

Visti dagli altri

Il protezionismo non c’entra

Lavoro. Le proteste inglesi contro i lavoratori italiani e portoghesi sono un segnale di democrazia, non di nazionalismo. L’articolo del Daily Telegraph

Confronti

Guantanamo e non solo

Un locale all’Avana ospita ogni sera i migliori interpreti del genere musicale considerato un simbolo di Cuba. Le foto di Mauro D’Agati

Obama in Medio Oriente

Le omissioni del nuovo presidente indicano che Washington vuole seguire la solita linea. Leggi

Americhe

La nuova tattica delle Farc colombiane

Europa

L’Europa dell’est travolta dalla crisi

pubblicità

Opinioni

Come si misura la cultura

Portfolio

Dolce bolero

Un locale all’Avana ospita ogni sera i migliori interpreti del genere musicale considerato un simbolo di Cuba. Le foto di Mauro D’Agati

In copertina

Un paese a stelle e strisce

Anche se il presidente e i leader religiosi lanciano accuse di ogni tipo agli Stati Uniti, gli iraniani sono sempre più affascinati dallo stile di vita americano

Economia e lavoro

L’economia britannica in caduta libera

Ritratti

Jaume Roures. Il magnate trotskista

Con i suoi giornali e le sue tv fa concorrenza ai più importanti gruppi editoriali spagnoli. Riuscendo a coniugare affari e impegno politico

Cultura

Il paese dei fumetti

Il festival internazionale di Angoulême, in un palmares molto equilibrato tra stili diversi ed editori grandi e piccoli, consacra i giovani autori francesi

Opinioni

Incubi americani

Opinioni

Sfilata di presidenti

Visti dagli altri

Le barriere inutili

Lavoro. Chiedere misure protezionistiche è un errore. E rischia di aggravare la crisi, scrive il Financial Times

In copertina

Il dialogo tra sordi deve finire

I predicatori invitano all’intifada delle scarpe contro l’America e gioiscono per la sua crisi economica. Ma ormai Teheran e Washington devono parlarsi

Cina

La fiera dei single

A Pechino e a Shanghai migliaia di genitori s’incontrano per cercare l’anima gemella dei figli. I giovani sono troppo occupati per trovarla da soli

Viaggi

Istantanea africana

Il continente visto attraverso i finestrini del Pride of Africa, il treno di lusso che parte da Città del Capo e arriva a Dar es Salaam

Asia e Pacifico

L’esodo senza fine dei rohingya

Stracci bianchi

Anche la narrativa richiede ricerche minuziose e una profonda conoscenza del contesto storico. Leggi

Opinioni

Davos, parole in libertà

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.