Sommario

790 (10/16 aprile 2009)

Cuba Libre

Scrive per raccontare come si vive davvero nell’isola di Castro. Il suo blog ha migliaia di lettori in tutto il mondo. L’avventura di Yoani Sánchez

790 (10/16 aprile 2009)

Ritratti

Nancy Hatch Dupree. La memoria dell’Afghanistan

Scrittrice e storica, ha passato tutta la sua vita tra Kabul e Peshawar. In un archivio custodisce migliaia di documenti sulla storia afgana

Opinioni

Al passo con l’Europa

pubblicità

Cultura

I miei primi quaranta libri

Consigliare una lettura può determinare il futuro di un’amicizia. Consigliarne quaranta è pura presunzione. Per Nick Hornby è un esercizio irresistibile

Opinioni

Nord caldo, sud freddo

Americhe

Una legge sul clima per gli Stati Uniti

pubblicità

Opinioni

Le scuole di Cuba

In copertina

Una blogger a Cuba

Ha cominciato a scrivere nel 2007 per rompere il silenzio che circonda Cuba. Oggi il suo blog ha migliaia di visitatori in tutto il mondo. E sta per diventare un libro. L’avventura di Yoani Sánchez

Attualità

Un groviglio di faglie geologiche

I terremoti non sono una novità per l’Abruzzo, che era già stato colpito in passato. La regione si trova nella zona in cui collidono le placche tettoniche di Africa ed Europa

Graphic journalism

Cartolina da Lilla Essingen

Un fumetto di Joanna Hellgren

Economia e lavoro

Il crac della finanza arriva in Spagna

pubblicità

Scienza

La vita privata del cervello

Siamo sicuri che quando non facciamo nulla il nostro cervello stia riposando? È stato scoperto un network cerebrale che si attiva appena ci fermiamo e che ci fa sognare a occhi aperti

Germania

La mucca moderna

Il latte che beviamo viene da animali cresciuti come atleti. Ed è stato scomposto e ricomposto. Dietro le quinte di un’industria ad alto rendimento

Europa

La caduta di Budapest

Opinioni

La coppia perfetta

Opinioni

L’inseparabile zainetto

pubblicità

Grecia

I ragazzi di dicembre

La Grecia è ancora paralizzata da un’ondata di proteste senza precedenti. Cominciate quattro mesi fa dopo la morte di un quindicenne ucciso dalla polizia. Il reportage dell’Observer

Opinioni

Se l’Abruzzo sembra Gaza

Opinioni

A culo duro

Africa e Medio Oriente

Lieberman allontana Israele dalla pace

Attualità

Previsioni difficili

Anticipare l’arrivo dei terremoti è impossibile. Sono stati sviluppati alcuni metodi che però non sono ancora affidabili

pubblicità

Viaggi

La città storta

Hanif Kureishi a Venezia con la famiglia. Harry’s Bar, gruppo ska alla Giudecca e due chiacchiere con la figlia di Arnold Schönberg

Attualità

Al centro del paese che non c’è più

Una piccola località di trecento abitanti vicino all’Aquila è stata rasa al suolo dal sisma. I suoi abitanti hanno perso tutto. Il reportage del Guardian da Onna

Il Grande gioco non serve

La politica dell’escalation non porterà alla pace in Afghanistan e nel resto della regione. Leggi

Attualità

La terra trema in Abruzzo

Il terremoto dell’Aquila ha mostrato due volti dell’Italia. Da un lato aiuti efficienti e una grande solidarietà per le vittime. Dall’altro una colpevole disattenzione per i pericoli sismici del territorio

Asia e Pacifico

Obama cambia rotta in Afghanistan

Portfolio

Occhio discreto

Le foto di Rafael Trobat con un testo di Christian Caujolle

Opinioni

Dopo il vertice di Londra

Opinioni

Mondo multicanale

Opinioni

43.000

Attualità

Le parole della catastrofe

I giornali e le tv raccontano le tragedie con il solito rituale. Attraverso le immagini del dolore e le polemiche

Opinioni

La stagione delle piogge

Senso

“Fortino direi… Io a Lanciano l’ho sentito fortissimo… Danni a Roma?… A San Salvo bello forte… Roma, 6 piano, piuttosto forte… Anche a Silvi si è sentito bello forte… A Napoli la gente è per strada, lunghissima e ondulatoria… In provincia di Foggia si è sentito forte, il lampadario ha ballato fino a qualche minuto fa…”. Poco dopo le tre e trentadue della notte del 6 aprile, i siti di social networking come Twitter, FriendFeed e Facebook hanno battuto i grandi quotidiani, le agenzie di stampa, le principali reti televisive. Che si tratti delle prime testimonianze di un violento terremoto o della cronaca da un’isola caraibica, i mezzi di informazione tradizionali non sono più il primo posto dove istintivamente andiamo a cercare le notizie. Certo, molte aree del pianeta sono ancora al buio, ma è solo questione di tempo e in rete arriveranno anche un blogger nordcoreano o uno ruandese. Ai giornali e ai giornalisti resta il compito di approfondire e soprattutto dare un senso. Non è poco. Leggi

Idee

All’ombra di parole

I traduttori più bravi sono colti, creativi e diplomatici. Ma il loro lavoro spesso non viene apprezzato da nessuno. Nemmeno dagli scrittori

Scienza e tecnologia

Il web al servizio dei rifugiati

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.