Louise Fessard

Giornalista di Mediapart, lavora a Marsiglia.

I ferrovieri francesi boicottano la caccia ai migranti a Ventimiglia

Il ripristino dei controlli alla frontiera italiana uccide: cinque morti dall’agosto del 2016, di cui uno sulla ferrovia tra Ventimiglia e Nizza. In due comunicati, la Società nazionale delle ferrovie francesi (Sncf) chiede ai ferrovieri della regione Paca (Provenza-Alpi-Costa Azzurra) di segnalare i gruppi di migranti a bordo dei treni. E di rispedire in Italia i quelli arrestati nell’arco della giornata. Molti ferrovieri rifiutano di farlo. Leggi

A Nizza la solidarietà non ha religione

A Nizza non ci sono solo i poliziotti a pattugliare la stazione ferroviaria. Tre volte al giorno fanno il loro giro anche gli attivisti. Lo scopo è di rintracciare prima delle forze dell’ordine i migranti sudanesi, eritrei, afgani che sono riusciti a superare la frontiera francoitaliana, dopo aver camminato per ore. Leggi

pubblicità
A Ventimiglia va in scena l’assurdo

Bloccato alla frontiera francese di Ventimiglia da un mese, Mustapha, 20 anni, è scappato dalle milizie janjawid in Sudan. Non capisce perché le forze dell’ordine francesi gli impediscano di raggiungere la Svezia. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.