Film

Grazie a Dio è un film cristiano sulla pedofilia nella chiesa

Collettivo e al contempo intimo, il nuovo lungometraggio di François Ozon sovverte lungo la storia le apparenze del processo narrativo, così come le apparenze ingannano dietro la tonaca. Leggi

Alessandro Cattaneo racconta una scena di Res creata

“Abbiamo girato questa scena nella zona dell’Appennino emiliano. La notte prima c’era stata un’abbondante nevicata”, dice il regista del documentario. Leggi

pubblicità
François Ozon racconta una scena di Grazie a Dio

“In questa sequenza abbiamo usato una foto per ricordare che la chiesa avrebbe il compito di proteggere i più deboli”, spiega il regista del film. Leggi

Andrea Segre racconta una scena di Il pianeta in mare

“Durante le riprese stavo cercando situazioni che potessero sorprendermi, che non avrei potuto prevedere”, spiega il regista del documentario ambientato a porto Marghera. Leggi

Ad astra: un’odissea non solo nello spazio

Il film di James Gray è fantascienza d’autore che, senza rinunciare allo spettacolo, ci spinge lontani dalla nostra umanità, per farcela ritrovare. Leggi

pubblicità
Una scena di Il varco raccontata dai registi

“Questa scena è formata da filmati di propaganda e di cinegiornale, ma anche da video amatoriali realizzati durante la campagna di Russia”, spiegano Federico Ferrone e Michele Manzolini. Leggi

Nicholas de Pencier racconta una scena di Antropocene - L’epoca umana

“Questa lenta ripresa sulle cave di marmo a Carrara è stata realizzata con un drone. Volevamo mostrare l’incredibile estetica di questo luogo”, spiega il regista del documentario. Leggi

Fulvio Risuleo racconta una scena di Il colpo del cane

“In questa scena le protagoniste vanno a un appuntamento per far accoppiare il cane che hanno in affidamento in cambio di denaro”, dice il regista della commedia. Leggi

Karim Aïnouz racconta una scena di La vita invisibile di Eurídice Gusmão

“Questa scena mi ha aiutato a trovare il tono della recitazione per l’intero film”, spiega il regista brasiliano. Leggi

Alessandro Rossetto racconta una scena di Effetto domino

“Questa scena non era prevista, è stata scritta due giorni prima delle riprese ed è frutto di un’improvvisazione molto ampia”, dice il regista del film. Leggi

pubblicità
Duccio Chiarini racconta una scena di L’ospite

“Questa sequenza è rappresentativa del viaggio che il protagonista vive sui divani e nelle vite degli altri”, spiega il regista della commedia. Leggi

Pupi Avati racconta una scena di Il signor diavolo

“Quando dovevamo girare questa sequenza il protagonista non poteva camminare, perché si era rotto il menisco”, dice il regista. Leggi

Eros Puglielli racconta una scena di Nevermind

“In questa sequenza uno studente di alta cucina esprime la sua avversione per un suo compagno di corso, che rappresenta tutto ciò che lui odia di più”, spiega il regista della commedia. Leggi

Rogério Corrêa racconta una scena di Krenak

“L’inquinamento del rio Doce è uno degli argomenti centrali del film, perché ha cambiato la vita della popolazione della regione”, dice il regista brasiliano. Leggi

Una scena di Il flauto magico di piazza Vittorio raccontata dal regista

“In questa sequenza si respira l’aria fiabesca e artigianale del film, anche grazie agli effetti visivi disegnati a mano”, spiega Gianfranco Cabiddu. Leggi

pubblicità
Gaspar Noé racconta una scena di Climax

“In questa sequenza, girata in modo gioioso e corale, i ballerini mostrano un emozionante momento di follia collettiva”, spiega il regista argentino. Leggi

Una scena di Dicktatorship - Fallo e basta! raccontata dai registi

“In questa sequenza, come nel resto del documentario, non c’è una sceneggiatura ma è tutto improvvisato”, spiegano Gustav Hofer e Luca Ragazzi. Leggi

Agostino Ferrente racconta una scena di Selfie

“Questa sequenza racchiude il senso del documentario, che descrive Napoli attraverso gli occhi dei suoi abitanti”, dice il regista. Leggi

Mikhaël Hers racconta una scena di Quel giorno d’estate

“Girare questa sequenza, nonostante le difficoltà, ci ha dato fiducia per portare a termine il lavoro”, spiega il regista francese che nel suo film ha voluto raccontare il dramma delle vittime degli attentati a Parigi del 2015. Leggi

Pierre Salvadori racconta una scena di Pallottole in libertà

“In questa sequenza coesistono commedia e tragedia. Ho fatto in modo che questo mix caratterizzasse tutto il film”, spiega il regista francese. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.