Libri

La notte oscura di una lettrice

Alle medie passavo notti insonni a leggere sotto le coperte, torcia in mano. La lettura era una via di fuga dalla mia vita in gabbia, mi dava speranza. Quel periodo è ormai finito, ho perso il piacere della lettura, e vorrei ritrovarlo. ​ Leggi

Lo scaffale esibizionista

Quando sono in luoghi pubblici ho pudore a mostrare il libro che sto leggendo, ho la sensazione di dare un’informazione molto intima su me stessa. Leggi

pubblicità
Regali senza spine

Ogni volta che incontro un libro che per qualche misteriosa ragione so che sarà importante per me, lo compro e lo regalo a una persona che so (per le stesse misteriose ragioni) che ne ha bisogno e che l’amerà moltissimo. Leggi

Leggere prima di addormentarsi

Ho passato la vita intera a leggere un po’ tutte le sere prima di dormire, in un flusso che poteva portarmi al crollare di sonno con il libro sulla faccia. Con terrore da settembre non riesco più a leggere nulla. ​ Leggi

Un bovarista cocciuto

Un anno fa avevo comprato decine di libri ma poi ho perso la testa per una ragazza e non ho letto una sola pagina. La relazione è finita ma l’amore per i libri non è tornato, che fare? Leggi

pubblicità
Ogni libro ha un suo colore segreto

Di solito uso dei post-it come segnalibri; il problema è che non riesco a leggere un libro se prima non ho scelto il post-it giusto! Secondo la mia testa, il post-it deve avere un colore il più vicino possibile alla copertina. Leggi

La crisi italiana vista da Germania e Austria

Nei due paesi sono usciti quasi contemporaneamente due libri sull’Italia. Gli autori osservano il paese e la sua storia dell’ultimo secolo, dipinti come laboratori del successo delle destre populiste nel mondo. Leggi

Librerie separate in casa

Io e il mio ragazzo abbiamo appena intrapreso la strada felice della convivenza, ma presto si è presentato il bivio: come unire le nostre librerie? Leggi

Il semplice piacere della lettura

Ho deciso di provare a scrivere libri. Ora ogni libro che leggo lo valuto dal punto di vista dello scrittore e non riesco più a godere della semplice lettura. Leggi

La lettura come nevrosi e come religione

Due nuovi casi per il bibliopatologo. Due rituali privati di lettura che si fondano l’uno su una minaccia serpeggiante, l’altro sullo struggimento per un’estasi irrecuperabile. Leggi

pubblicità
La macchina del consenso di Erdoğan

La giornalista turca Ece Temelkuran spiega il meccanismo che alimenta il consenso del presidente Recep Tayyip Erdoğan in Turchia e il ruolo della guerra nel nord della Siria. Leggi

L’Europa tra sacro e profano

Con il suo nuovo libro L’Europa è ancora cristiana? il politologo Olivier Roy pone la vera domanda: quale spazio dedicare alle religioni nella sfera pubblica europea. Leggi

Un amore di biblioteca

Ogni relazione amorosa lascia dietro di sé una biografia, come una sorta di traccia o di eredità nella quale si segnalano i libri che ogni amante ha portato all’altro. Leggi

Un’italiana a Pyongyang

Un memoir su quattro anni vissuti in Corea del Nord che rende il paese un po’ meno alieno. Nessun romanzo, saggio o resoconto di viaggio ci era riuscito così bene. Il libro sarà presentato al festival di Internazionale. Leggi

Raccontare la violenza

Vodka, risate e analisi del razzismo. Lo scrittore francese racconta un pomeriggio trascorso a casa di Toni Morrison. Al festival di Internazionale dialogherà con l’autore malese Tash Aw. Leggi

pubblicità
Dimenticare Roma

Un’urbe distrutta e schiava del suo passato, indolente e contraddittoria: nella letteratura Roma è vittima del suo stesso racconto mitico. Da cui è difficile ricostruire le difficoltà del presente. Leggi

Esplorazione

Nelle celebrazioni per i cinquant’anni dell’allunaggio è tornata la retorica militaresca della conquista, della nuova frontiera, del vessillo che sventola sulla Luna. Leggi

Il libro che dovremo lasciare a metà

Sapere che al momento della mia morte ci sarà quasi sicuramente almeno un libro di cui non conoscerò mai il finale mi getta a volte nello sconforto più totale. Leggi

Consigli non richiesti ad aspiranti scrittori

Scrivere il libro è quasi il meno. Poi servono editori, disegnatori, correttori di bozze, distributori, librerie online e offline, e lettori. L’importante è non scoraggiarsi. Leggi

Andrea Camilleri e il rumore della vita 

Un’ondata di affetto come quella che si sta manifestando non può spiegarsi solo con il successo del più amato scrittore italiano: c’è qualcosa di più, un moto sentimentale che riconosce in quella figura un’umanità più larga. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.