Libri

Lo sterminio nazista nel diario ritrovato di Carla Simons

La luce danza irrequieta racconta l’inesorabile discesa verso la tragedia di una donna che, finché le è possibile, cerca in ogni angolo della sua giornata e di quel mondo che va in pezzi qualcosa che la tenga viva. Leggi

Quando la politica italiana era dalla parte degli oppressi

Negli anni sessanta e settanta del novecento, l’Africa e la lotta anticolonialista erano al centro del panorama politico. E la resistenza era un modello per gli indipendentisti africani. Un’alleanza che sarebbe da recuperare. Leggi

pubblicità
I libri della settimana

Le recensioni dalla stampa internazionale. Leggi

I libri della settimana

Le recensioni dalla stampa internazionale. Leggi

Il romanzo di un romanzo

Se l’anno scorso era il centocinquantenario della sua nascita, quest’anno ricorrono cento anni dalla morte di Marcel Proust. Leggi

pubblicità
L’autopubblicazione sta cambiando il mondo dei libri

In un mercato dominato da grandi case editrici che privilegiano gli autori già noti, e dove i piccoli editori hanno pochi soldi da investire, aumentano le persone che pubblicano i loro lavori senza alcuna intermediazione. Farlo è sempre più facile. Leggi

Qualcosa di più di un grande scrittore

Non si fruga nella polvere è alla sua terza traduzione italiana anche se non è il romanzo più celebre e forse neanche il più significativo nell’opera di William Faulkner. Leggi

I libri della settimana

Le recensioni dalla stampa internazionale. Leggi

Napoli tutto compreso

Dalla propria prospettiva di napoletano espatriato, esponente di una classe media intellettuale, Paolo Mossetti racconta in modo nitido e sconsolato la trasformazione della sua città negli ultimi trent’anni. Leggi

Romanzo pedagogico

Daniele Archibugi ha pubblicato Maestro delle mie brame, un libro fortemente narrativo su Federico Caffè, quel grande economista che in un giorno di metà aprile del 1987 sparì letteralmente nel nulla, senza lasciare traccia. Leggi

pubblicità
Fascismo senza filtro

La lettura diretta dei testi del duce, accompagnata da note leggere ma utili, fa emergere almeno due cose collegate tra loro. Leggi

I borghi devono tornare a essere paesi

Nell’ultimo anno sono stati pubblicati diversi libri che ragionano sul valore delle aree interne e sul futuro dei borghi, ormai visti come mete turistiche più che luoghi da abitare. Leggi

I libri della settimana

Le recensioni dalla stampa internazionale. Leggi

Critica della modernità

Di fronte alla crisi della democrazia e alla frustrazione politica di un numero crescente di persone che non sentono più di essere rappresentate (in Italia e non solo), è forse utile riflettere su quando questa crisi è cominciata. Leggi

Per l’internazionalismo

Edwy Plenel torna a criticare chi, nella sinistra, soprattutto francese, fa prevalere le ragioni della critica dell’interventismo statunitense su quelle della solidarietà con le popolazioni attaccate da Putin. Leggi

pubblicità
I libri della settimana

Le recensioni dalla stampa internazionale. Leggi

Capire con i morti

Questa raccolta di ricordi di amici morti più o meno giovani, comunque prematuramente, è molto più che una serie di saggi brevi: è un’autobiografia di Goffredo Fofi e l’analisi di questioni fondamentali dell’ultimo secolo italiano. Leggi

Pinocchio in tutte le lingue del mondo

Dall’Iran al Madagascar, dall’America Latina al Giappone la storia del burattino di Carlo Collodi è il testo della letteratura italiana più tradotto in assoluto. Il motivo è la sua universalità. Leggi

Un parco per tutti

Yascha Mounk prova a trovare argomenti, pratiche e meccanismi istituzionali utili alla convivenza di gruppi diversi. Leggi

Bisonti, cervi e mani

La cosiddetta arte parietale, cioè immagini figurative tracciate sulle pareti delle grotte, fa riflettere gli studiosi, che si chiedono come e perché i primi uomini moderni si misero a disegnare. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.