Iraq

Iraq

Capitale
Baghdad
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Dinaro iracheno
Superficie
Il tesoro archeologico nel sottosuolo di Mosul

La moschea del profeta Younis era uno dei simboli di Mosul. Svettava in cima alla collina dalla strada che segue il fiume. Leggi

La sconfitta dei jihadisti non mette pace tra i politici iracheni

Dopo le vittorie dell’esercito iracheno a Mosul e a Kirkuk è salita la tensione tra l’attuale primo ministro Haider al Abadi e il suo predecessore, Nuri al Maliki. Leggi

pubblicità
La scommessa fallita di Massoud Barzani

Sembra che la carriera politica del presidente del Kurdistan iracheno sia giunta alla fine. Dai vertici del suo partito arrivano voci sulle sue imminenti dimissioni. Leggi

Spiragli di dialogo tra il governo iracheno e le autorità curde

L’entrata dell’esercito iracheno nella città curda Kirkuk è una sconfitta per il presidente Barzani, che ora cerca la trattativa per l’autonomia della regione. Leggi

L’indipendenza della Catalogna è diversa da quella del Kurdistan

Dal punto di vista storico e politico ciò che vale per la rivendicazione di uno stato-nazione curdo non vale necessariamente per Barcellona. Leggi

pubblicità
La ricostruzione di Raqqa e delle zone tolte ai jihadisti non sarà facile

Mettersi d’accordo contro il gruppo Stato islamico era – relativamente – semplice. Adesso la situazione si fa più complessa. Leggi

La questione curda riguarda tutto il Medio Oriente

Nell’estrema tensione tra il Kurdistan iracheno e il resto dell’Iraq il petrolio è centrale. Ma la questione fondamentale è un’altra: il problema curdo. Leggi

Jalal Talabani è morto in un momento delicato per l’Iraq

L’ex presidente iracheno è stato una figura di riconciliazione e un convinto assertore della fratellanza tra curdi e arabi. Leggi

Ci vorrà ancora molto tempo prima che i curdi abbiano un paese

Per quanto riguarda tutte le questioni pratiche, il Kurdistan iracheno è un paese indipendente dal 1991. Ma non basta. Leggi

Lezioni dai referendum in Kurdistan e in Catalogna

La storia dimostra che è inutile usare la forza per gestire le richieste di indipendenza. È meglio negoziare e prepararsi a ridisegnare gli atlanti. Leggi

pubblicità
Il mondo in breve

I risultati delle elezioni tedesche, referendum in Kurdistan, il nuovo muslim ban: cos’è successo nel mondo. Leggi

Una campagna di distensione alla vigilia del referendum curdo

Aumentano le richieste di rimandare il voto del 25 settembre, mentre dalla società civile arriva un appello a disinnescare le ostilità tra la popolazione. Leggi

Tutti i tentativi di fermare il referendum dei curdi iracheni

Il rinvio non è una soluzione definitiva, ma per entrambe le parti significa evitare la possibilità di un’altra guerra per il controllo dei giacimenti di Kirkuk. Leggi

Nessuno in Medio Oriente vuole uno stato curdo

Utili e applauditi quando combattono sul campo contro i jihadisti, i curdi infastidiscono il resto del mondo quando pensano a se stessi. Leggi

Il mondo in breve

Liberato nelle Filippine padre Teresito Suganob, il crollo di Ryanair, gli Emmy Awards 2017: cos’è successo nel mondo. Leggi

pubblicità
I giovani iracheni vogliono musica e libri

L’inaugurazione di un centro commerciale a Baghdad e la fiera del libro di Mosul hanno mostrato il volto moderno e laico dell’Iraq. Leggi

Le trattative di Hezbollah con i jihadisti dello Stato islamico

Gli sciiti iracheni sono preoccupati perché arriveranno nuovi combattenti del gruppo Stato islamico vicino ai loro confini. Leggi

In Medio Oriente i jihadisti stanno perdendo, ma la pace è lontana

Per centinaia di migliaia di persone questo significa la fine di un inferno quotidiano, ma si annunciano nuovi scontri violenti, per due motivi. Leggi

In Iraq la lotta alla corruzione sarà più dura di quella al terrorismo

Il sindaco di Bassora è scappato all’estero per sfuggire a un mandato d’arresto. Era uno degli 880 funzionari pubblici iracheni notoriamente corrotti. Leggi

Due giovani leader arabi da tenere d’occhio

Il principe saudita Mohammad bin Salman e lo sciita iracheno Moqtada al Sadr rappresentano una novità per il futuro del Medio Oriente. Leggi

pubblicità