Welcome to Italy

Cinque reportage sull’accoglienza dei migranti nel nostro paese. Un progetto coordinato da Stefano Liberti.

VIDEO
Gli schiavi di Mineo

Gli schiavi di Mineo

23 giugno 2016 10:10

“Esci alle 8 di mattina e non fai che pedalare, pedalare e pedalare. Quando arrivi al campo, già stanco morto, ti aspettano otto ore di fatica e 15 euro di paga al giorno. È assurdo!”.

Piana di Mineo, Sicilia. Immerso tra campi di grano e agrumeti, il Residence degli Aranci, ex villaggio per marines americani di stanza a Sigonella, ospita il più grande centro per richiedenti asilo d’Europa. Tra villette a due piani e reticolati presidiati dall’esercito, quattromila uomini, donne e bambini attendono per mesi l’esito delle loro domande presentate a commissioni d’asilo oberate e inefficienti. Confinati ai margini della società e privi di tutele legali, gli ospiti del centro diventano le braccia forti e invisibili per la raccolta delle arance, ingranaggi di una produzione poco trasparente, le cui varie fasi sono descritte nel nuovo rapporto Filiera sporca delle associazioni Terra! onlus, daSud e Terrelibere.
Finito nella bufera dell’inchiesta Mafia capitale per il giro di tangenti e malaffare messo in piedi dal consorzio che gestiva l’accoglienza dei migranti, il Centro di accoglienza per richiedenti asilo (C.a.r.a.) di Mineo, in provincia di Catania è oggi commissariato.

Il reportage di Paolo Martino e Mario Poeta.

Quarta puntata della serie Welcome to Italy, un viaggio in cinque video sull’accoglienza dei migranti che arrivano nel nostro paese.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.