La prigione più affollata delle Filippine

03 agosto 2016 15:29

La prigione di Quezon City che si trova a nord di Manila, nelle Filippine, è una delle carceri più affollate dell’arcipelago. Costruita sessant’anni fa per ospitare 800 persone, oggi accoglie circa 3.800 detenuti, che sono costretti a fare i turni per dormire.

Lo stato stanzia per ogni detenuto 1 euro per il cibo e 0,10 centesimi per i medicinali al giorno. I prigionieri seguono una dieta a base di zuppa, verdure e carne. Per rendere le condizioni di vita più sopportabili il personale del carcere organizza gare di ballo e altre attività riabilitative.

La situazione nel carcere è peggiorata a causa della campagna contro la criminalità lanciata dal presidente Rodrigo Duterte. Le forze di sicurezza in appena un mese hanno ucciso centinaia di persone e ne hanno arrestate più di quattromila, con lo scopo di contrastare il traffico e il consumo di droghe. Duterte, entrato ufficialmente in carica il 30 giugno e soprannominato “il giustiziere”, ha promesso di ripristinare la pena di morte.

Il sistema penale delle Filippine è uno dei più congestionati al mondo. Secondo i dati diffusi dal governo le prigioni nazionali ospitano un numero di detenuti cinque volte maggiore alla loro capienza. Il video dell’Afp.

pubblicità

Articolo successivo

Cuori puri ha il coraggio di andare controcorrente
Goffredo Fofi