Filippine

Filippine

Capitale
Manila
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Peso filippino
Superficie
Il mondo in breve

Liberato nelle Filippine padre Teresito Suganob, il crollo di Ryanair, gli Emmy Awards 2017: cos’è successo nel mondo. Leggi

Luci rosse dopo il tifone

Hannah Morales Reyes ha fotografato le donne costrette a prostituirsi dopo che le loro case sono state distrutte dal tifone Haiyan nelle Filippine. Leggi

pubblicità
Nelle Filippine solo una buona politica può fermare i jihadisti

L’assedio degli estremisti islamici nella città di Marawi potrebbe finire presto. Nel paese resta tuttavia aperta la questione del separatismo musulmano. Leggi

Lo Stato islamico mette radici in Asia

A oriente del califfo è una guida alla galassia sunnita fuori dal mondo arabo dove lo Stato islamico prova a espandere la sua influenza. Leggi

Le Filippine sotto attacco

Nell’ultima settimana un gruppo di miliziani legati ai jihadisti del gruppo Stato islamico ha attaccato alcune parti della città di Marawi. Leggi

pubblicità
Il mondo all’una

Donald Trump in Italia, allerta nel Regno Unito, Taiwan verso la legalizzazione del matrimonio omosessuale: cos’è successo nel mondo. Leggi

Il presidente filippino ha ordinato all’esercito di occupare gli isolotti disabitati e le isole coralline nel Mar cinese meridionale.
Il presidente filippino ha ordinato all’esercito di occupare gli isolotti disabitati e le isole coralline nel Mar cinese meridionale. La zona è rivendicata anche dalla Cina. I militari avranno il compito di “erigere strutture e innalzare la bandiera filippina” nell’arcipelago delle Spratly, ha detto Rodrigo Duterte. Il presidente ha annunciato anche che potrebbe visitare le aree rivendicate da Manila il 12 giugno, in occasione della giornata dell’indipendenza filippina. Dopo la reazione preoccupata di Pechino, ufficiali della difesa filippini hanno chiarito le parole di Duterte specificando che l’intervento riguarda strutture già esistenti e non prevede l’occupazione di nuovi territori.
Dopo le fiamme a Bacoor
Il governo filippino e i ribelli maiosti hanno concordato un cessate il fuoco temporaneo e la liberazione di alcuni prigionieri.
Il governo filippino e i ribelli maiosti hanno concordato un cessate il fuoco temporaneo e la liberazione di alcuni prigionieri. Lo ha annunciato il consigliere presidenziale sul processo di pace. I colloqui tra i guerriglieri del Nuovo esercito del popolo, che combattono da quasi cinquant’anni contro Manila, e il governo sono ripresi questa settimana nei Paesi Bassi con la mediazione della Norvegia.
pubblicità
Nella stagione delle piogge
Un ostaggio tedesco è stato ucciso dai jihadisti nelle Filippine.
Un ostaggio tedesco è stato ucciso dai jihadisti nelle Filippine. I militanti del gruppo Abu Sayyaf, legati ad Al Qaeda, hanno pubblicato un video che mostra la decapitazione di un uomo identificato come Jürgen Kantner, tedesco, ostaggio dell’organizzazione dal novembre del 2016. Kantner e la moglie Sabine Merz erano stati attaccati dai jihadisti filippini mentre navigavano nell’arcipelago. Merz era stata uccisa durante l’aggressione. Il filmato della decapitazione è stato diffuso da Site, un sito statunitense specializzato nel monitoraggio delle attività online delle organizzazioni jihadiste.
Un terremoto nelle Filippine provoca quattro morti e danni alle infrastrutture
Un terremoto nelle Filippine provoca quattro morti e danni alle infrastrutture. Un terremoto di magnitudo 6.7 ha colpito l’isola di Mindanao, nel sud del paese, uccidendo quattro persone e ferendone più di cento. L’epicentro si trovava a dieci chilometri di profondità e a circa tredici chilometri a est della città di Surigao. Oltre alle vittime, il terremoto ha tagliato la corrente e la fornitura idrica in molte zone, danneggiando un ponte, un albergo e alcune abitazioni.
Migliaia di morti nella lotta del presidente Duterte contro la droga

Negli ultimi sette mesi la campagna antidroga di Rodrigo Duterte ha causato oltre settemila vittime. Ora le operazioni della polizia sono state sospese, ma il presidente ha dichiarato che la guerra al traffico e al consumo di droghe continuerà fino alla fine del suo mandato. Il video della Thomson Reuters Foundation. Leggi

pubblicità
Senza casa a Manila
Sopravvissuti all’incendio
La guerra di Duterte
Nelle Filippine la guerra alla droga non si ferma

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha sospeso i raid antidroga per il tempo necessario a eliminare la corruzione dai ranghi della polizia. Secondo lui il 40 per cento degli agenti filippini è coinvolto in attività illegali. Leggi

Dopo le fiamme a Las Piñas
pubblicità