La dottoressa del Camerun che cura i migranti a Torino

12 aprile 2017 11:29

“Oltre al ruolo di affiancamento al medico di base, svolgo le funzioni di una mediatrice culturale. Quando si presentano pazienti che arrivano dall’Africa subsahariana, mi vedono e si sentono rassicurati”, dice Joelle Kamgaing, tirocinante medico, nata in Camerun.

Joelle Kamgaing, 25 anni, è arrivata a Torino nel 2010 per frequentare la facoltà di medicina e chirurgia, laureandosi con lode. Presto sarà abilitata alla professione. Nonostante il poco tempo libero, fa la volontaria presso l’associazione Camminare insieme, dove presta cure gratuite a indigenti, migranti e persone a cui è stata rifiutata la richiesta di asilo, che non vanno al pronto soccorso per paura di essere denunciati.

Passaggi. Quando gli stranieri fanno integrazione è una serie di sei reportage sugli stranieri che lavorano nel campo dell’educazione e dell’integrazione dei migranti appena arrivati in Italia. È stata realizzata da Simona Carnino e Carolina Lucchesini con il finanziamento della regione Piemonte, in collaborazione con il Coordinamento comuni per la pace della provincia di Torino e la cooperativa Cisv solidarietà.

pubblicità

Articolo successivo

Mare, mare, mare