La vita delle ragazze nigeriane costrette a prostituirsi in Italia

04 dicembre 2017 09:49

“Nessuna donna è contenta di fare la prostituta, è un lavoro che ti fa perdere la dignità e ti crea problemi alla mente. Alcune ragazze hanno rapporti sessuali per cinque euro”, dice Jessica, mediatrice culturale dell’associazione On the road.

Centinaia di donne lavorano come prostitute lungo la strada Bonifica del Tronto, una strada provinciale di una decina di chilometri al confine tra Marche e Abruzzo. Negli ultimi anni c’è stato un grande aumento di ragazze provenienti dalla Nigeria. Molte di loro sono vittime di tratta.

On the road svolge da vent’anni la sua attività sulla Bonifica del Tronto, soprannominata la “via dell’amore”, per aiutare le lavoratrici del sesso, che spesso sono minorenni. Nel 2016 sono arrivate in Italia dalla Nigeria 11.089 persone. L’80 per cento erano donne costrette a prostituirsi.

Il video del Guardian.

Sullo stesso argomento:
La donna ghaneana che aiuta le vittime di tratta ad Asti

pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti