VIDEO
Le due sorelle di Beirut che combattono la radicalizzazione

Le due sorelle di Beirut che combattono la radicalizzazione

27 febbraio 2019 09:34

“Uno dei miei migliori amici si è unito agli estremisti, c’erano molti segnali ma io non volevo vederli”, dice nel video Maya Yamout. “I gruppi armati offrono identità, indipendenza e soldi. È tutto quello che cercano i giovani”, aggiunge Nancy Yamout.

Le sorelle Yamout sono assistenti sociali forensi, specializzate in deradicalizzazione. Lavorano con i detenuti della prigione di Roumieh, a Beirut, per capire cosa li ha spinti ad unirsi a gruppi di estremisti. In sette anni hanno intervistato oltre cento prigionieri: “Le loro storie possono essere utili per evitare che altri giovani si radicalizzino”, spiega Maya. Le due donne hanno anche aperto il centro per ragazzi Rescue me - crime prevention in uno dei quartieri più a rischio della capitale libanese, e lavorano per la riabilitazione dei detenuti usciti di prigione che non vogliono tornare al radicalismo islamico.

Il video di Gaja Pellegrini Bettoli.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.