NUOVE NOTIZIE

OSSESSIONI
NUOVE NOTIZIE

Cambiamenti climatici

I fenomeni meteorologici estremi sono sempre più frequenti ed entro la fine del secolo le temperature potrebbero aumentare di 3 gradi. In parte è colpa degli esseri umani. Per salvare il pianeta servono nuovi modelli di produzione e consumo.

Cambiamenti climatici

  • 19 Feb 2017 13.00

Le Alpi rischiano di restare senza neve entro la fine del secolo

Entro la fine del secolo le Alpi potrebbero perdere fino al 70 per cento del manto nevoso. È uno dei possibili scenari elaborati in uno studio svizzero. Nel caso più positivo, la scomparsa della neve potrebbe essere limitata al 30 per cento, con conseguenze non solo per le località turistiche alpine, ma anche per le altre attività economiche a valle. Leggi

  • 26 Gen 2017 10.26
Il cambiamento climatico ha aumentato la probabilità di eventi estremi in Europa. Secondo l’agenzia ambientale europea, l’impatto del riscaldamento globale sarà avvertito per decenni, in modo non uniforme nelle regioni del continente. L’Europa meridionale e sudorientale saranno le aree più colpite, anche economicamente, mentre nella parte occidentale saranno soprattutto le aree costiere e le pianure a subire effetti negativi. Il cambiamento climatico inciderà sugli ecosistemi delle Alpi e della penisola iberica, e così pure su quelli artici.
pubblicità
  • 18 Gen 2017 17.18
Il 2016 è stato l’anno più caldo da quando si registrano le temperature. I dati sulle temperature forniti dalla Nasa e dall’ufficio meteorologico del Regno Unito fanno segnare un incremento di 0,07 gradi rispetto al 2015. Quindi, secondo i dati della Nasa, il 2016 è l’anno più caldo da quando si sono cominciate a registrare le temperature, cioè dal 1880 a oggi. Tutti gli esperti concordano che i principali fattori di questi record sono gli effetti di El Niño e delle emissioni di anidride carbonica.
  • 16 Gen 2017 19.00

La natura incontaminata è in pericolo

Il pianeta sta perdendo le ultime aree di natura selvaggia. Secondo uno studio, tra il 2000 e il 2013 è andato perso il 7,2 per cento delle aree naturali ancora integre, gli intact forest landscapes. Leggi

  • 06 Gen 2017 13.25
Un gigantesco iceberg sta per staccarsi dall’Antartide. Si tratta della piattaforma di ghiaccio Larsen, situata nella zona nordoccidentale del mare di Weddell. È uno dei dieci iceberg più grandi mai misurati. A dicembre si è creata una profonda frattura nel ghiacci e ora sono rimasti solo 20 chilometri di superficie a impedire all’iceberg di cinquemila chilometri quadrati di andare alla deriva.
pubblicità
  • 22 Dic 2016 11.26

L’ultima mossa di Barack Obama per tutelare il mare Artico

Il 20 dicembre il presidente uscente degli Stati Uniti ha vietato in modo permanente ogni attività di ricerca di giacimenti di gas o petrolio in ampie zone dell’oceano Atlantico e del mare Artico. Una mossa che sembra una beffa al successore Donald Trump. Leggi

  • 02 Dic 2016 10.58
Quattro città mondiali vogliono vietare le auto con motore diesel. I sindaci di Parigi, Città del Messico, Madrid e Atene hanno dichiarato che stanno mettendo a punto delle leggi per impedire ai veicoli diesel di circolare e che verranno distribuiti incentivi per l’uso di veicoli alternativi, piste ciclabili e aree pedonali. L’annuncio è stato dato durante il vertice C40 sul clima in Messico, che vede riuniti più di 80 primi cittadini. L’Italia è presente con tre città: Milano, Roma e Venezia.
  • 21 Nov 2016 13.12

In volo sull’Antartide

Il fotografo Mario Tama ha accompagnato i ricercatori della Nasa in volo sull’Antartide per studiare l’evoluzione dei ghiacci polari. Leggi

  • 18 Nov 2016 18.46
Alcuni dei paesi più poveri del mondo promettono di tagliare le emissioni di gas serra. Il 18 novembre, in chiusura alla conferenza sul clima Cop22 di Marrakech, 48 paesi, tra cui Bangladesh, Filippine ed Etiopia, hanno promesso di ridurre drasticamente entro i prossimi quattro anni l’uso di carburanti fossili e passare a fonti rinnovabili per il 100 per cento. Il presidente della conferenza, il marocchino Salaheddine Mezouar, ha detto di contare sul “pragmatismo” e l’”impegno” del neoeletto presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, noto per il suo scetticismo sui cambiamenti climatici.
  • 16 Nov 2016 11.28

Nemmeno Trump potrà fermare la lotta al riscaldamento climatico 

Già prima di dirottare il Partito repubblicano, Donald Trump dichiarava a gran voce che, come Barack Obama, la scienza del cambiamento climatico non è nata negli Stati Uniti. Nel 2012 insisteva nel dire che si tratta di uno scherzo cinese “creato da e per i cinesi con lo scopo di rendere poco competitivo il settore manifatturiero statunitense”. Leggi

pubblicità
  • 15 Nov 2016 13.43
Si apre la fase politica della conferenza dell’Onu sui cambiamenti climatici (Cop22) in corso a Marrakech. Sono una cinquantina i capi di stato attesi in Marocco per intervenire alla Cop22. Nella conferenza stampa che ha aperto i lavori della il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha affermato che l’azione per ridurre il riscaldamento globale è inarrestabile, al di là delle convinzioni dei singoli capi di stato. C’è molta attesa infatti per conoscere la posizione degli Stati Uniti la cui delegazione è su posizioni apparentemente diverse da quelle del neoeletto presidente Donald Trump.
  • 14 Nov 2016 17.58
Il 2016 sarà l’anno più caldo mai registrato. Basandosi sui dati raccolti in questi primi nove mesi, l’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm) afferma che sarà superato il record del 2015. Le temperature da gennaio a settembre sono state in media di 1,2 gradi superiori ai livelli preindustriali. Tra le cause principali ci sono il fenomeno climatico El Niño e le emissioni di anidride carbonica, dicono gli scienziati dell’Omm in un rapporto pubblicato durante la ventiduesima conferenza sui cambiamenti climatici in corso a Marrakech, in Marocco.
  • 09 Nov 2016 11.06
Gli anni tra il 2011 e il 2015 sono stati i più caldi dall’inizio delle osservazioni. Secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale, la temperatura globale è stata più alta di 0,57 gradi rispetto alla media del periodo 1961-1990. A parte l’Africa, tutti i continenti hanno fatto registrare temperature record. Anche la concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera è aumentata a livelli mai visti e la probabilità di eventi estremi è salita di circa dieci volte.
  • 07 Nov 2016 11.26
Si apre a Marrakech la ventiduesima conferenza sui cambiamenti climatici. È il primo appuntamento dopo l’entrata in vigore dell’accordo di Parigi, che ha fissato l’obiettivo di contenere l’aumento di temperatura del pianeta entro i 2 gradi centigradi sopra il livello preindustriale. Durante la conferenza dovrebbero essere delineati i dettagli che porteranno al taglio delle emissioni di gas serra e alla verifica dei progressi. Tuttavia, poiché l’accordo di Parigi si basa su impegni volontari degli stati e le misure possono avere un impatto sulle economie nazionali, si prevedono negoziati difficili. Fino al 18 novembre saranno anche discussi temi come il coinvolgimento dei soggetti non statali e gli aiuti ai paesi in via di sviluppo.
  • 04 Nov 2016 13.15

Gli obiettivi dell’accordo sul clima sono ancora lontani

Il 4 novembre è entrato in vigore l’accordo di Parigi sul clima, raggiunto nel 2015. Tuttavia, secondo il rapporto Emissions gap, gli impegni non sono abbastanza ambiziosi. È necessario uno sforzo maggiore nella lotta ai cambiamenti climatici, scrive l’Unep, il programma ambientale delle Nazioni Unite che ha analizzato gli impegni presi dai singoli stati per contenere l’aumento di temperatura del pianeta. Leggi

pubblicità
  • 04 Nov 2016 09.54
L’accordo di Parigi sul clima entra in vigore. Secondo il New York Times, è il segno della serietà degli stati nel voler contrastare il riscaldamento globale. Finora hanno aderito all’accordo 96 paesi, che sono responsabili di poco più di due terzi delle emissioni di gas serra. Altri paesi potrebbero aggiungersi nei prossimi mesi. L’accordo di Parigi (Cop21) del dicembre del 2015 fissa l’obiettivo di limitare l’aumento di temperatura a due gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali.
  • 30 Ott 2016 12.58

L’aumento delle temperature mette a rischio i paesi del Mediterraneo 

Il cambiamento climatico può stravolgere gli ecosistemi dei paesi mediterranei. Uno studio mostra che se le emissioni di gas serra continueranno ad aumentare senza limiti, alla fine del secolo parte di Marocco, Algeria, Tunisia, Portogallo e Spagna potrebbero trasformarsi in deserto. Anche alcune aree di Italia e Grecia, soprattutto Sicilia e Creta, potrebbero diventare parzialmente desertiche. Leggi

  • 28 Ott 2016 14.59
In Antartide sarà creata la più grande riserva naturale marina del mondo. Si tratta di una superficie di 1,55 milioni di chilometri quadrati nel mare di Ross, che copre circa il 12 per cento dell’oceano Atlantico. La pesca commerciale sarà vietata per 35 anni. La decisione è stata presa dopo un vertice internazionale della Commissione per la conservazione delle risorse dell’Antartico in Australia.
  • 24 Ott 2016 16.15
Nel 2016 i livelli di gas serra in tutto il mondo supereranno un’importante soglia. Quest’anno e per le prossime generazioni, denunciano gli autori del bollettino annuale sui gas serra dell’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm), le concentrazioni di anidride carbonica e altri gas nocivi nell’atmosfera non scenderanno sotto la soglia simbolica delle 400 parti per milione (ppm). Questa soglia è stata raggiunta a livello globale per la prima volta nel 2015, anche per colpa del fenomeno meteorologico El Niño. Secondo gli scienziati è una situazione che non si verifica da almeno tre milioni di anni e che segna una “nuova era” per il pianeta dal punto di vista dei cambiamenti climatici.
  • 18 Ott 2016 09.55

Servono aree marine protette per salvare i pesci e l’ecosistema

Secondo le ultime statistiche dell’agenzia delle Nazioni Unite per il cibo e l’agricoltura (Fao), il pescato globale totale è sceso dagli 86 milioni di tonnellate del 1996 ai 77 milioni di tonnellate del 2010, un calo dell’11 per cento in 14 anni. Solo permettendo alle specie ittiche di riprodursi in aree dove la pesca sia vietata per uno o due anni si ripopoleranno mari e oceani. Leggi

pubblicità