Migranti in un centro di detenzione a Zawiyah, 45 chilometri a ovest aTripoli, il 17 giugno 2017. (Taha Jawashi, Afp)

Un nuovo rapporto dell’Onu denuncia gli orrori in Libia

Migranti in un centro di detenzione a Zawiyah, 45 chilometri a ovest aTripoli, il 17 giugno 2017. (Taha Jawashi, Afp)
21 dicembre 2018 14:40

“Una donna di 22 anni, che è stata portata al centro di detenzione governativo di Surman, in Libia, dopo essere stata intercettata durante la traversata del Mediterraneo, è stata torturata da due guardie. È stata costretta a spogliarsi, poi gli sono state legate le caviglie con due corde, la testa fermata da una barra di ferro. Poi è stata picchiata con dei tubi di metallo. Quando ha parlato con i funzionari delle Nazioni Unite aveva ancora i segni delle torture sulle caviglie e sul ventre, più di un anno dopo”.

Questa è solo una delle testimonianze contenute in un nuovo rapporto delle Nazioni Unite che denuncia “inimmaginabili orrori” subiti da migranti e rifugiati nei centri di detenzione in Libia. A partire dalla testimonianza di 1.300 persone intervistate tra il gennaio del 2017 e l’agosto del 2018 la Missione di supporto delle Nazioni Unite in Libia (Unsmil) e l’Ufficio dell’alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) hanno scritto un documento di sessanta pagine che descrive gravi violazioni, atrocità e abusi “commessi dai funzionari pubblici, dai miliziani che fanno parte di gruppi armati e dai trafficanti”, in un contesto di assoluta impunità.

Unsmil e Ohchr denunciano anche l’incapacità delle autorità libiche di limitare e contrastare questo fenomeno massiccio: le due organizzazioni avevano già pubblicato un rapporto nel 2016 sulle violenze nel paese nordafricano, ma “nonostante le prove schiaccianti della violazione dei diritti umani, le autorità libiche sono state incapaci o non hanno voluto mettere fine alle violenze”.

Le istituzioni nel paese, anche il potere giudiziario, sono molto deboli dopo anni di conflitto armato a partire dal 2011. “Le milizie sono state ampiamente integrate nelle istituzioni, anche se dopo l’esplosione delle violenze a Tripoli nel settembre del 2018 il governo di unità nazionale aveva promesso di agire per diminuire l’influenza di questi gruppi”.

Le donne e le ragazze hanno raccontato all’Unsmil di aver subìto violenze di gruppo

Secondo il rapporto, la maggior parte dei migranti e dei richiedenti asilo è detenuto in maniera arbitraria in Libia: “Marciscono nei centri di detenzione governativi che sono in condizioni inumane, lontani dagli standard internazionali, dove avvengono anche torture”. I migranti che finiscono nei centri di detenzione governativi hanno spesso alle spalle abusi e violenze subiti quando erano nelle mani dei trafficanti: “Reclusione arbitraria, percosse, bruciature con ferri caldi, torture con cavi elettrici, molestie e violenze sessuali, con l’obiettivo di estorcere soldi alle famiglie attraverso un sistema complesso di money transfer. Spesso alcuni di loro sono venduti e comprati da diversi gruppi criminali e gli viene chiesto di pagare dei riscatti prima di essere portati sulla costa per provare a fare la traversata. Le donne e le ragazze hanno raccontato all’Unsmil di aver subìto violenze di gruppo o di aver assistito alla violenze subite da altre”.

Le esecuzioni sommarie sono frequenti e “in Libia spesso è possibile trovare cadaveri senza nome con segni di tortura o ferite da arma da fuoco dentro ai cumuli dell’immondizia o nel letto prosciugato di qualche fiume, o infine nel deserto o nei campi”. Ma il fattore più inquietante è che i funzionari dell’Onu hanno ricevuto “informazioni attendibili che documentano la complicità degli attori pubblici nel traffico di esseri umani: funzionari locali, miliziani che fanno parte delle istituzioni e del ministero dell’interno e della difesa”.

Leggi anche:

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il complesso del supereroe
Claudio Rossi Marcelli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.